Come scrivere una tesina perfetta: indicazioni utili

La tesina deve essere fatta bene ed esposta con chiarezza ed efficacia perché ti aiuterà a influenzare positivamente la prova orale. Ecco cosa ti occorre sapere per scrivere una tesina perfetta.

  1. Scegli l’argomento della tesina
  • L’argomento della tesina deve rispondere ai tuoi gusti e interessi.
  • L’argomento della tesina non deve essere né troppo vasto e generico né troppo complesso: devi limitarlo ad un ambito ben preciso (per esempio: la salvaguardia dell’ambiente; il dramma della guerra e la necessità della pace).
  • È consigliabile e utile che concordi l’argomento con l’insegnante, che valuterà la fattibilità o il grado di difficoltà.

2. Fai i collegamenti tra le varie materie studiate nell’ultimo anno (non tutte ovviamente!)

  • Ricorda: i collegamenti tra le materie devono essere motivati e attinenti all’argomento trattato.

3. Come procedo per trovare i collegamenti tra le materie?

  • Individua le fonti da cui trarre informazioni relative all’argomento: i testi scolastici, enciclopedie, riviste specializzate, articoli, siti internet.
  • Seleziona le informazioni che ti interessano, riordinale e organizzale con chiarezza in una scaletta, meglio ancora se realizzi una mappa concettuale o un powerpoint.

Ricorda: mappa concettuale e powerpoint potranno essere presentati ai professori durante l’esame orale e ti saranno utili per non perdere il filo del discorso durante l’esposizione della tesina.

4. Procedi ora con la stesura della tesina

  • Scegli un titolo sintetico ed efficace che contenga le parole-chiave del tuo lavoro.
  • Scrivi un’introduzione che:
    – motivi la scelta dell’argomento;
    – sintetizzi il contenuto del lavoro;
    – chiarisca il tipo di legami interdisciplinari;
    – esponga il metodo seguito e le fonti usate
  • Procedi con lo sviluppo articolato in capitoli e paragrafi. È il corpo centrale in cui si espone e si argomenta il tuo punto di vista sul tema trattato.
  • Elabora una conclusione in cui ribadirai i punti salienti dell’esposizione ed esprimerai il senso complessivo del lavoro.
  • Definisci e precisa l’indice, che può essere posto all’inizio o alla fine della tesina, con l’indicazione dei paragrafi e le corrispondenti pagine della tesina.
  • Non dimenticare le indicazioni bibliogafiche, cioè l’elenco delle fonti consultate per la stesura.

Attenzione! Ricorda che i materiali selezionati non devono essere ricopiati, ma rielaborati da te in modo personale.
Inoltre se vuoi inserire delle citazioni tratte dai testi consultati, ricorda di inserirle tra virgolette e di indicare sempre, in parentesi, la fonte precisa.