Il Concilio di Nicea del 325 d.C.

Cosa stabilì il Concilio di Nicea del 325 d.C., il primo concilio ecumenico (cioè universale) della storia della Chiesa. Riassunto di Storia.

Il Concilio di Nicea, in Asia Minore, del 325 fu convocato dall’imperatore Costantino per ristabilire nella Chiesa e nell’Impero di Roma la pace turbata dall’eresia di Ario (arianesimo).

Il Concilio di Nicea si tenne nel maggio-giugno del 325 d.C. Fu presieduto dall’imperatore stesso, sotto il pontificato di Silvestro I. Vi parteciparono circa 300 vescovi provenienti da tutte le province dell’Impero. Fu il primo concilio ecumenico (cioè universale) della storia della Chiesa.

Ario non negava la Trinità, ma professava l’adozionismo, sostenendo che Gesù non era ingenerato ed eterno come il Padre, ma era stato generato, in un certo senso adottato dal Padre, quindi non identificabile con Dio stesso. In questo modo Ario negò la natura divina di Gesù, in quanto il Figlio non può essere considerato come il Padre poiché non esiste dall’eternità, ma è stato creato come tutti gli altri esseri.

Le decisioni prese dal Concilio di Nicea del 325 d.C.

Il Concilio di Nicea del 325:

  • si concluse con la condanna dell’arianesimo (tuttavia, le conclusioni del Concilio di Nicea non posero fine alla questione ariana, che si protrarrà per secoli → per un approfondimento clicca qui);
  • il Figlio venne proclamato consustanziale (identico quanto alla sostanza e alla natura) a Dio Padre con il «Credo» – il cosiddetto «simbolo niceno» – che la Chiesa cattolica ha mantenuto fino ai nostri giorni, in quanto formulazione del dogma trinitario;
  • pose fine allo scisma di Melezio vescovo di Licopoli;
  • decise che la Pasqua fosse celebrata la prima domenica dopo il plenilunio successivo all’equinozio di primavera;
  • individuò tre sedi episcopali maggiori: Roma, che esercitava la sua autorità sugli ecclesiastici dell’Occidente; Alessandria, preposta all’Egitto; Antiochia, sul resto dell’Oriente;
  • emanò norme che disciplinarono la condotta dei chierici e stabilirono il principio del celibato ecclesiastico.