Il Neolitico: definizione e caratteristiche

Il Neolitico: definizione e caratteristiche. Riassunto di Storia schematico e completo per conoscere e memorizzare rapidamente

La Preistoria viene solitamente suddivisa in 3 periodi: il Paleolitico, il Mesolitico e il Neolitico.

Il Neolitico o “Età della Pietra Nuova” (da nèos, “nuovo”, e lithos, “pietra”), si estende dall’8000 a.C. al 4000 a.C.

Durante l’età neolitica l’uomo fabbrica utensili in pietra levigata e pratica l’allevamento e l’agricoltura; abbandona il nomadismo, diventa sedentario e fonda i primi villaggi.

L’agricoltura favorisce la produzione di eccedenze, quindi l’immagazzinamento delle derrate alimentari. Per quantificare queste derrate alimentari fu necessario inventare uno strumento rivoluzionario, la scrittura, che segnò l’inizio della Storia.

Allo stesso tempo il bisogno di utensili più robusti e funzionali all’agricoltura portò ai primi manufatti in ceramica, ma soprattutto a un’altra rivoluzione: la metallurgia.

La fine dell’età neolitica vide la comparsa delle costruzioni megalitiche (dal greco mègas, “grande”, e lithos, “pietra”). Il più famoso complesso megalitico della Preistoria è il Cromlech di Stonehenge.