iliade: la struttura, lo stile, la vicenda riassunto

Iliade letteralmente significa «vicenda di Ilio»: il poema, tradizionalmente attribuito ad Omero, narra infatti la guerra dei prinicipi achei contro la città di Troia, anche chiamata Ilio dal nome del suo mitico fondatore Ilo.

Sulla guerra di Troia furono composti molti poemi. Ad essi si dà il nome di poemi del ciclo troiano o poemi ciclici perché trattano lo stesso argomento. Bisogna inoltre rilevare che alcuni elementi della saga erano molto antichi e potrebbero essersi arricchiti tramite contatti culturali con mondi remoti. La saga di Gilgamesh, ad esempio, elaborata in più riprese nel mondo mesopotamico (sumerico, accadico, hittita), a partire dalla fine del III millennio a.C., contiene alcuni elementi che anticipano temi dell’Iliade, come il rapporto di amicizia eroica tra Gilgamesh ed Enkidu e la riflessione sulla mortalità dell’uomo.

Iliade: la struttura

L’Iliade è costituito da circa 16.000 esametri (l’esametro è il verso greco dell’epica; è molto musicale e rievoca il ritmo dei canti orali da cui l’Iliade, così come l’Odissea, hanno avuto origine) ripartiti in 24 libri. Questa suddivisione fu operata nel II secolo a.C. dai grammatici della Biblioteca di Alessandria d’Egitto (i cosiddetti “grammatici alessandrini”) ai quali si deve anche la prima edizione critica dei poemi omerici, che nel corso dei secoli erano stati manipolati dai copisti.

L’Iliade non narra tutta la guerra di Ilio (o guerra di Troia), ma solo le vicende avvenute nel corso di 51 giorni nel decimo e ultimo anno dell’assedio acheo: si apre con l’ira di Achille e si chiude con la scena dei funerali di Ettore.

I fatti sono raccontati in ordine cronologico. Il periodo considerato è breve, ma il racconto risulta molto dilatato, perché il rapporto tra la durata narrativa (misurata in numero di versi o di libri che contengono i fatti narrati) e la durata temporale effettiva varia molto nel corso del poema: ad esempio il I e il XXIV libro coprono ciascuno 20 giorni, mentre dal II al VII, come anche dall’XI al XVIII, si narrano eventi accaduti in un solo giorno.

Iliade: lo stile epico

L’Iliade presenta uno stile particolare, che ha lo scopo di mantenere viva l’attenzione dell’ascoltatore, aiutandolo a immaginare con immediatezza le scene raccontate e coinvolgendolo emotivamente nelle vicende dei suoi eroi. Pertanto nell’Iliade troviamo molto spesso la presenza di:

  • epiteti: Achille «piede rapido» o «piè veloce»; Ettore «elmo abbagliante» o «massacratore»; Andromaca «braccio bianco»; Troiane «riccioli belli»
  • formule fisse e ricorrenti per descrivere eventi di uno stesso tipo, come per esempio la morte di un eroe: «la vita volò via dalle membra e scese nell’Ade…»
  • patronimici: Achille Pelìde (figlio di Peleo); Agamennone Atrìde (figlio di Atreo);
  • similitudini, ossia paragoni. Ad esempio: «Patroclo si slanciò per tre volte simile a Ares ardente»

L’Iliade è narrato in terza persona. Il narratore è generalmente esterno e onnisciente e dichiara di derivare la sua ispirazione dalla Musa, dea della memoria e del canto. Circa un terzo del testo è costituito da discorsi diretti dei vari personaggi. L’interesse si concentra in modo forte sull’azione e sono molto rari i momenti in cui il narratore esprime commenti, esclamazioni o giudizi. Eppure tra le righe, traspare la sua simpatia per personaggi di entrambi gli schieramenti, o affiora qua e là un giudizio che veicola compassione, dissenso, partecipazione o condanna: basta, ad esempio, un aggettivo, come stolto o sciocco, per definire un comportamento.

Iliade: la vicenda

Nell’Iliade la vicenda è organizzata attorno a più nuclei tematici:

  • L’ira di Achille e il suo ritiro dalla guerra (Libro I)

La guerra fra Achei e Troiani dura già da nove anni e i Troiani resistono dentro le mura della città. Crise, sacerdote di Apollo, vuole riscattare la figlia Criseide fatta schiava da Agamennone, capo supremo dell’esercito greco, ma viene da questi maltrattato e scacciato. Crise, offeso, chiede vendetta ad Apollo. Apollo scatena la sua ira sui Greci, facendo per nove giorni strage di animali e di uomini con le sue frecce portatrici di una terribile pestilenza. Al decimo giorno Achille riunisce i Greci e propone di interrogare l’indovino Calcante perché spieghi le ragioni di quanto sta accadendo. L’indovino Calcante svela che la colpa è tutta di Agamennone, che ha offeso Apollo maltrattando Crise, il suo sacerdote; si deve restituire Criseide al padre, si facciano sacrifici e il dio si placherà. Agamennone, messo alle strette, deve ubbidire, ma, infuriato, pretende in cambio Briseide, la schiava di Achille. Scoppia, inevitabile, una violenta lite: Achille insulta pubblicamente Agamennone, vorrebbe addirittura ucciderlo, ma la dea Atena lo trattiene. Achille ubbidisce a malincuore e fa il solenne giuramento di non partecipare più alla battaglia. Profondamente addolorato si reca in riva al mare dove la madre Teti viene a consolarlo.

La guerra continua senza Achille; molti avvenimenti si susseguono, ma nonostante si fronteggino i migliori campioni dei due eserciti, nessuno scontro è decisivo. I Troiani riescono a portare battaglia fino alle navi greche ed Ettore vi appicca il fuoco.

  • La morte di Patroclo e il giuramento di vendetta di Achille (Libri XVIXVIIXVIIIXIX)

Dopo l’incendio delle navi, Patroclo si reca da Achille e lo prega di prestargli le sue armi per affrontare i Troiani e incutere loro terrore. Achille acconsente. Patroclo fa strage tra i nemici che lo credono Achille. In molti, atterriti, fuggono verso le mura della città, Ettore però non fugge, anzi affronta Patroclo e lo uccide. Achille si dispera alla notizia della morte dell’amico e decide di tornare a combattere per vendicarlo, uccidendo Ettore. Si riconcilia con Agamennone, che gli restituisce Briseide, indossa la nuova armatura preparatagli dal dio Efesto e si lancia nel campo di battaglia.

  • Duello tra Ettore e Achille e cerimonia funebre in onore di Ettore (Libri XXXXIXXIIXXIIIXXIV)

Con l’aiuto di Apollo i Troiani si rifugiano entro le mura, ma Ettore ne resta al di fuori, solo, e affronta Achille, che lo uccide e fa strazio del suo corpo. In seguito il vecchio Priamo si reca da Achille per riscattare con ricche offerte il corpo del figlio, a cui vuol dare onorata sepoltura. Achille, pensando al suo anziano padre Peleo, si commuove e restituisce la salma di Ettore. Il poema si chiude con la celebrazione dei funerali dell’eroe troiano.