Home Riassunti Centrale idroelettrica schema e funzionamento

Centrale idroelettrica schema e funzionamento

Centrale idroelettrica schema e funzionamento

La centrale idroelettrica sfrutta la caduta delle acque dei fiumi e dei torrenti per produrre energia elettrica.

Le centrali idroelettriche sono molto diffuse in tutto il territorio, ma in particolare nell’Italia settentrionale, grazie alla considerevole presenza dei fiumi.

Vuoi sapere come si produce l’energia idroelettrica? dove viene prodotta? come funziona una centrale idroelettrica? quali sono gli elementi principali che la costituiscono?

Leggi il nostro articolo centrale idroelettrica riassunto.

Centrale idroelettrica funzionamento e schema

Ecco come funziona una centrale idroelettrica:

prima di tutto, le acque di un fiume vengono raccolte in un bacino artificiale (detto anche lago artificiale) grazie a una diga di sbarramento, posta a una certa altitudine;

poi, da questo bacino artificiale l’acqua viene convogliata in vasche di raccolta, che si trovano più in basso, da cui partono grosse tubature chiamate condotte forzate;

il getto violentissimo dell’acqua, che esce sotto pressione dalle condotte forzate, provoca il movimento delle pale di una turbina;

alle turbine idroelettriche è collegato l’alternatore, che trasforma l’energia di movimento delle pale in energia elettrica;

il trasformatore aumenta poi i valori di tensione della corrente prodotta prima di inviarla alla rete di distribuzione elettrica;

infine, attraverso la rete di distribuzione elettrica, l’energia idroelettrica viene distribuita ovunque.

L’energia idroelettrica è un tipo di energia rinnovabile, perché grazie al ciclo dell’acqua, è sempre disponibile; non produce rifiuti o inquinanti; ha un rendimento molto alto rispetto ad altre fonti rinnovabili e il sistema turbina-generatore può essere acceso e portato a pieno regime in tempi molto brevi.

Tuttavia, però, costruire una diga richiede ingenti risorse finanziarie e comporta modifiche radicali all’ambiente.