Home fisica Energia definizione, tipi e fonti di energia

Energia definizione, tipi e fonti di energia

Energia-definizione-tipi-fonti

Che cos’è l’energia? L’energia è la capacità di un corpo di compiere un lavoro, cioè di mettere in movimento qualcosa o di trasformarlo.

Per esempio ci occorre energia: per spostare un mobile, per andare in bici, per crescere, per cuocere un uovo, per bollire l’acqua, ecc.

Quali sono i 7 tipi di energia?

L’energia si può manifestare sotto diverse forme. Le principali sono 7:

elettrica, è l’energia che usiamo per illuminare la casa, per far funzionare il computer, per ascoltare la musica…

termica è il calore che si può ottenere bruciando un combustibile, o per attrito fra due corpi, facendo passare acqua calda in un termosifone; accendendo un ferro da stiro ecc;

chimica: si trova in molte sostanze, come il cibo, e nei materiali che possono bruciare (legno, carbone, gas, benzina);

nucleare: è contenuta nel nucleo dell’atomo. Si libera in seguito alle reazioni nucleari;

muscolare: fa muovere gli esseri viventi;

luminosa: è la luce del Sole, di una candela accesa, di un legno che brucia, di un fulmine ecc. Senza l’energia luminosa le piante non svolgerebbero la fotosintesi clorofilliana, e quindi non ci sarebbe vita sulla Terra;

sonora: è il suono.

Legge di conservazione dell’energia

La legge di conservazione dell’energia afferma che l’energia non può essere né creata né distrutta.

Può solo trasformarsi da una forma all’altra (ad esempio: l’acqua in cima a una cascata possiede energia potenziale. Scendendo l’energia potenziale dell’acqua si trasforma in energia cinetica. Nella centrale idroelettrica a valle della cascata, l’energia cinetica è trasformata in energia elettrica); o può trasferirsi  da un corpo all’altro (ad esempio dal piede al pallone, dal vento alla vela).

Quali sono le fonti di energia?

Le fonti di energia si possono classificare in due gruppi: non rinnovabili e rinnovabili.

Le fonti non rinnovabili sono i combustibili fossili (il carbone, il petrolio e il metano o gas naturale) e l’uranio. Sono fonti non rinnovabili perché destinate, prima o poi, a esaurirsi e sono inquinanti.

Per un approfondimento leggi Combustibili fossili quali sono, vantaggi e svantaggi.

Le fonti rinnovabili sono: l’acqua, il vento, il Sole e il calore interno della Terra, da cui si ricavano l’energia idroelettrica, eolica, solare e geotermica.

Le fonti rinnovabili non si esauriscono; in natura sono sempre disponibili; sono “energie pulite” perché non producono sostanze inquinanti.

Per un approfondimento leggi Energie rinnovabili: impieghi, vantaggi e svantaggi.