Home Letteratura Italiano Parafrasi Alla luna di Giacomo Leopardi

Parafrasi Alla luna di Giacomo Leopardi

Parafrasi Alla luna di Giacomo Leopardi

Riportiamo qui la parafrasi “Alla luna” di Giacomo Leopardi. “Alla luna” fu composta probabilmente nel 1819 e fa parte degli Idilli così come L’infinito e La sera del dì di festa.

Alla Luna – il testo della poesia

O graziosa luna, io mi rammento
Che, or volge l’anno, sovra questo colle
Io venia pien d’angoscia a rimirarti:
E tu pendevi allor su quella selva
Siccome or fai, che tutta la rischiari.
Ma nebuloso e tremulo dal pianto
Che mi sorga sul ciglio, alle mie luci
Il tuo volto apparia, che travagliosa
Era mia vita: ed è, né cangia stile,
O mia diletta luna. E pur mi giova
La ricordanza, e il noverar l’etate
Del mio dolore. Oh come grato occorre
Nel tempo giovanil, quando ancor lungo
La speme e breve ha la memoria il corso,
Il rimembrar delle passate cose,
Ancor che triste, e che l’affanno duri!

Parafrasi Alla luna di Giacomo Leopardi

Graziosa luna («graziosa» nel duplice aspetto di “bella” e di “benigna”), io mi ricordo che, proprio un anno fa, sopra questo colle io venivo pieno d’angoscia a contemplarti: e tu allora te ne stavi sospesa sopra quel bosco, proprio come fai ora che lo illumini tutto.
Ma il tuo volto mi appariva come avvolto dalla nebbia e tremolante per le lacrime che mi spuntavano e che mi offuscavano gli occhi («luci»), perché la mia vita era piena di affanni («travagliosa») e lo è ancora né cambia situazione, o mia cara luna. Eppure mi piace il ripercorrere con la memoria i dolori che hanno tormentato la mia vita.
Quanto risulta gradito finché si è giovani, quando la speranza ha dinanzi ancora un lungo cammino e la memoria ha alle spalle un breve tratto da ripercorrere, ricordarsi degli avvenimenti passati, per quanto siano cose dolorose e il dolore da essi prodotto sia sempre vivo.

Per il commento e l’analisi delle figure retoriche leggi Alla luna Leopardi, commento e figure retoriche.