10 giugno 1940
10 giugno 1940: l'Italia entra in guerra contro Francia e Inghilterra, al fianco della Germania nazista, in quella che sarebbe poi diventata la Seconda Guerra Mondiale. Nella foto il discorso di Benito Mussolini a piazza Venezia

Il 10 giugno 1940 Mussolini annunciava, a una folla radunata a Piazza Venezia e a tutta la popolazione che lo ascoltava attraverso la radio, che era giunta l’ “ora fatale”: l’Italia entrava in guerra.

Mussolini era certo di una vittoria da ottenere con pochissimo sforzo e tempo. Il conflitto, invece, durò a lungo. Infatti gli eventi successivi (l’aggressione tedesca alla Russia, l’invasione italo-tedesca della Iugoslavia e della Grecia, gli scontri tra l’esercito italo-tedesco e quello inglese in Africa e l’attacco giapponese a Pearl Harbor) causarono il moltiplicarsi di Fronti.

Dal canto suo, poi, l’Italia non era sufficientemente preparata ad affrontare il conflitto: oltre agli armamenti scarsi e antiquati, al fronte i soldati si ritrovarono continuamente privi di rifornimenti, dalla benzina alle scorte alimentari.

Guarda il video del discorso di Mussolini sull’entrata in guerra dell’Italia, il 10 giugno 1940.

Per un approfondimento leggi Italia nella Seconda Guerra Mondiale clicca qui