la riproduzione delle piante

La riproduzione delle piante avviene in maniera diversa a seconda si tratti di piante semplici o complesse.

La riproduzione delle piante semplici

Le piante semplici come le felci, le alghe e i muschi, non hanno radici, fusto e foglie ben distinte e si riproducono per mezzo di spore. Le spore, disperse nel terreno o nell’acqua, danno origine a una nuova pianta, simile a quella da cui provengono.

La riproduzione delle piante complesse

Le piante complesse hanno radici, fusto e foglie ben riconoscibili e si riproducono per mezzo di semi. Le piante complesse si suddividono in due gruppi: le angiosperme e le gimnosperme.

Angiosperme

Le angiosperme sono le piante con fiore. I fiori producono i semi; i semi sono racchiusi in un frutto (angiosperma significa infatti «seme protetto»). Rappresentano il gruppo di piante più numeroso.

Nelle angiosperme gli ovuli stanno nell’ovario alla base del fiore. Il processo di riproduzione avviene in quattro fasi: impollinazione, fecondazione, disseminazione, germinazione.

Impollinazione

I granelli di polline, trasportati da agenti esterni quali gli insetti, il vento, l’acqua ecc., arrivano sul pistillo di un altro fiore: avviene così l’impollinazione.

Fecondazione

Il polline scende nell’ovario, si unisce a un ovulo e si trasforma in seme: è la fecondazione. Grazie a essa, l’ovario si ingrossa e si trasforma in frutto.

Disseminazione

Quando il frutto è maturo, il seme, per dare origine a un’altra pianta, deve cadere o essere trasportato su un suolo adatto. È la fase della disseminazione, che può avvenire grazie all’uomo, al vento, all’acqua o agli animali.

Germinazione

Se il seme cade su un terreno adatto avviene la germinazione: il seme germoglia e dà origine a una nuova pianta, che produrrà nuovi fiori.

 

la riproduzione delle piante

 

Le gimnosperme

Le gimnosperme comprendono tutte le piante i cui semi non sono racchiusi da un frutto (gimnosperma significa infatti «seme nudo»). Sono gimnosperme per esempio i pini, i larici e gli abeti.

Sui rami di queste piante sono presenti dei piccoli coni: quelli maschili producono il polline, quelli femminili, gli ovuli. Il polline, traportato dal vento, raggiunge i coni femminili e feconda gli ovuli. Il cono femminile si trasforma allora in pigna. All’interno della pigna gli ovuli fecondati diventano semi. Quando i semi sono maturi, la pigna si apre e li lascia cadere nel terreno, per dare vita a nuove piante.

 

la riproduzione delle piante

 

Ti potrebbe interessare anche:

Le piante descrizione e caratteristiche

Le parti della pianta