Troppa grazia Sant’Antonio: perché si dice?

2921
troppa grazia sant'antonio

Troppa grazia Sant’Antonio: perché si dice? Vi spieghiamo qual è il significato e l’origine dell’espressione.

Diciamo Troppa grazia Sant’Antonio! quando vogliamo sottolineare che abbiamo sì ottenuto qualcosa di molto atteso, ma ne abbiamo ricevuta in una quantità esagerata o in modo eccessivo.

L’aneddoto, dal quale deriva questo modo di dire, è il seguente.

In un paese, del quale non ci viene indicato il nome, viveva un contadino. Voleva imparare a cavalcare e perciò si comprò un cavallo. Pur dandosi una forte spinta non riusciva a montare in sella.

Arrivarono alcuni suoi amici, ai quali il contadino chiese cosa dovesse mai fare per riuscire a salire in groppa. Gli amici gli consigliarono di pregare Sant’Antonio, il santo a cui tutti si rivolgono per chiedere di riuscire a fare qualcosa.

Allora il contadino pregò il santo, prese una bella rincorsa e si diede una slancio. Lo slancio lo portò addirittura a cadere a terra dall’altra parte.

Il contadino, più che mai deluso da quel suggerimento, nel quale aveva riposto tutta la sua fiducia, esclamò: «Troppa grazia Sant’Antonio! Volevo sì una bella spinta, ma tu me l’hai data troppo forte. La spinta coì non mi è stata di nessun vantaggio».

Curioso di conoscere l’origine di altri modi di dire? Ve ne sveliamo altri:

Studia Rapido è un progetto editoriale che ha come obiettivo la promozione e la condivisione della Cultura. Storia, Arte, Filosofia, Letteratura e tutte le materie che apprendiamo negli anni della scuola e con il tempo si dimenticano, diventano riassunti e articoli utili a superare con successo le prove scolastiche: un veloce ripasso prima dell'interrogazione, la preparazione di un compito in classe, l'aiuto a redigere la tesina di fine anno. Con un linguaggio chiaro, semplice e coinvolgente, come se fossero notizie che “accadono” oggi, le materie scolastiche diventano attuali e affascinanti