Home Università Università di Foggia: tutte le novità dell’Offerta Formativa 2022/2023

Università di Foggia: tutte le novità dell’Offerta Formativa 2022/2023

Università di Foggia - anno accademico 2022-2023

L’Università di Foggia è già pronta ad aprire le porte ai nuovi studenti. Tre nuovi Corsi di Laurea caratterizzeranno la già ampia offerta formativa dell’Ateneo, adatta ad accogliere le esigenze del territorio e permettere ai giovani di seguire qui le proprie ambizioni.

Prima novità dell’Anno Accademico 2022/2023 è il Corso di Laurea magistrale a ciclo unico in Scienze della Formazione Primaria. Il corso, inserito nell’offerta del Dipartimento di Studi Umanistici, si configura come una novità importante e attesa a lungo dal territorio.

La laurea a ciclo unico in Scienze della Formazione Primaria è l’unico titolo riconosciuto come abilitante all’insegnamento, sia per la Scuola dell’Infanzia che per la Scuola Primaria.

È a numero programmato e la prova di ingresso è basata su conoscenze in ambito linguistico-comunicativo, logico-induttivo e deduttivo e in ambito matematico-scientifico. La prova di ingresso, stabilita dal Ministero a livello nazionale, è prevista per martedì 20 settembre; il numero di posti disponibili verrà comunicato alla pubblicazione del bando su www.unifg.it.

Anche il settore scientifico dell’Unifg vede un importante ampiamento dell’offerta formativa. Sono infatti due i Corsi di Laurea che arricchiscono il Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale.

Il Corso di Laurea in Scienze Biologiche è un corso di primo livello, interdipartimentale e articolato in due curricula:

  • “Biologia generale e applicata”: più generico e trasversale, con una più marcata formazione di base, fornisce competenze adatte alla progettazione e all’organizzazione di attività sperimentali in ambito biologico, alla conduzione di sperimentazione con mansioni tecniche di analisi (anche diagnostiche) e alla presentazione a terzi di strumentazioni e tecnologie biologiche;
  • “Ecologico – ambientale”: ha delle caratteristiche più specifiche ed applicative con competenze specifiche in laboratori di analisi ambientale, nei presidi industriali, nel controllo di qualità, nel funzionamento degli impianti di depurazione ossia in tutti quei campi che riguardano la complessa gestione della qualità dell’ambiente/impatto ambientale.

Il Corso di Studi prevede attività di stage e tirocinio esterne da svolgere presso aziende e strutture pubbliche e/o private. Il laureato in Scienze Biologiche ha accesso alla formazione avanzata nei corsi di laurea magistrale della Classe LM-6 e ha accesso alla professione sia grazie al tirocinio pratico pre-laurea sia mediante master di primo livello. Il CdS consente inoltre l’iscrizione all’Albo dell’Ordine Nazionale dei Biologi (come Biologo junior), previo superamento dell’esame di Stato.

La figura del Biologo Junior può essere inserito nel mondo del lavoro come dipendente o come libero professionista in diversi ambiti di applicazione delle discipline biologiche, quali ad esempio:

  •  laboratori ed enti di ricerca pubblici e privati di analisi in diversi campi della biologia operanti in settori quali: ambientale, farmaceutico, biotecnologico, zootecnico, ittico;
  • enti pubblici o privati che si occupino di classificare, gestire e utilizzare organismi viventi e loro costituenti;
  • editoria scientifica in ambito biologico-naturalistico, per una corretta comunicazione, diffusione e informazione scientifica;
  • musei di storia naturale, orti botanici, parchi o riserve naturali e altre aree protette;
  • agenzie pubbliche per l’analisi della biodiversità ed il monitoraggio della qualità ambientale.

Il Corso di Laurea è ad accesso libero.

Altra importante novità dell’AA 2022/2023 è il Corso di Laurea Magistrale in Clinical and Experimentale Biology. Un Corso di Studi, interamente in lingua inglese, che si avvale di metodologie didattiche innovative come il Problem Based Learning (PBL) e dà allo studente la possibilità di personalizzare il percorso formativo anche grazie alle microcredential (unità di apprendimento modulari).

Il CdS si pone l’obiettivo di fornire le basi culturali e metodologiche indispensabili per lo studio dei meccanismi molecolari, cellulari, tissutali e sistemici che governano i processi fisiologici e patologici e per poter sviluppare nuovi approcci diagnostici e terapeutici. Gli obiettivi formativi specifici sono dettati dalla necessità di formare laureati con una preparazione avanzata e operativa nell’ambito delle scienze biomediche, caratterizzata da un’approfondita conoscenza delle metodologie, degli strumenti analitici e delle tecniche di acquisizione ed elaborazione dei dati. Il piano didattico prevede l’articolazione in due curricula: uno indirizzato verso aspetti più specificamente biomedici con sbocchi professionali nell’ambito sanitario; l’altro rivolto verso aspetti applicativi della biologia cellulare e molecolare in campo scientifico; particolare attenzione sarà rivolte alle più avanzate metodologie applicate nella ricerca di base e traslazionale. Il percorso didattico prevede, comunque, un gruppo di attività comuni nell’ambito delle discipline afferenti ai settori biomolecolare e biomedico.

Il Corso di Laurea Magistrale in Clinical and Experimental Biology è a numero aperto.

Il conseguimento di questa laurea fornisce allo studente le basi per un eventuale proseguimento della formazione universitaria avanzata con il Dottorato di Ricerca, le Scuole di Specializzazione in ambito sanitario e i Master di II livello offerti dall’Università di Foggia e da altri Atenei nazionali e internazionali. Inoltre, i laureati potranno esercitare la libera professione previa iscrizione all’Albo Nazionale dei Biologi.

L’intera offerta formativa dell’Università di Foggia è consultabile sul sito www.unifg.it. Le iscrizioni saranno aperte dal 1 agosto tramite la piattaforma Esse3.