Paradiso Canto 33. Riassunto e commento

Paradiso Canto 33 della Divina Commedia di Dante Alighieri. Riassunto e Commento.

Argomenti del Canto 33 del Paradiso:

  • Preghiera di san Bernardo alla Vergine (vv. 1-45)
  • Visione di Dio e dell’unità dell’universo in Dio (vv. 46-108)
  • Misteri della Trinità e dell’Incarnazione (vv. 109-132)
  • Sforzo supremo della mente di Dante; sua folgorazione e appagamento (vv. 133-145)

Paradiso Canto 33: Preghiera di san Bernardo alla Vergine (vv. 1-45)

La prima parte del Canto 33 del Paradiso è occupata dalla lunga preghiera che san Bernardo rivolge alla Vergine (per la parafrasi della Preghiera di san Bernardo alla Vergine, vv. 1-39, clicca qui), affinché essa interceda perché a Dante sia elargita la virtù necessaria da renderlo capace di innalzarsi alla visione piena di Dio in cui è posta la compiuta beatitudine.

Bernardo chiede anche un’altra grazia: che, una volta tornato in Terra per testimoniare ciò che visto, Dante si conservi puro, giusto e libero dal peccato.

Alla preghiera di Bernardo si unisce quella di tutti i beati e in particolare quella di Beatrice (ricordata qui per l’ultima volta nel poema). La Vergine prima fissa benevolmente Bernardo, poi Dio: è il segno che ha accondisceso.

Paradiso Canto 33: Visione di Dio e dell’unità dell’universo in Dio (vv. 46-108)

Dante sente in sé nuova forza e, senza che ci sia bisogno che il santo lo esorti a farlo, alza gli occhi a Dio.

Quello che allora vide non è esprimibile a parole; egli non ne ha conservato un ricordo distinto: è nelle condizioni di uno che abbia avuto un sogno meraviglioso; perdura nell’animo l’emozione della visione, mentre l’oggetto di essa si è dileguato dalla mente.

Si sforzerà tuttavia di porgere al lettore un’immagine sia pure tenue e sbiadita di ciò che ha visto, nell’attimo in cui ha osato «ficcar lo viso per la luce etterna» e congiungere il suo sguardo con il «valore infinito».

Paradiso Canto 33: Misteri della Trinità e dell’Incarnazione (vv. 109-132)

A Dante apparvero tre cerchi, di tre colori diversi ma della stessa dimensione: sono le tre persone della Trinità. Nel secondo di questi cerchi intravide un’immagine umana, segno della natura umana di Gesù (il mistero dell’Incarnazione), a ricordare come Dio si fosse incarnato e fatto uomo.

Paradiso Canto 33: Sforzo supremo della mente di Dante; sua folgorazione e appagamento (vv. 133-145)

Guardando ancora, Dante cercò di vedere come quell’immagine, inserita nel cerchio di luce, fosse una sola cosa con esso. Si sentiva d’essere sul punto di penetrare e conoscere il mistero divino: ma, si chiese smarrito, aveva la sua mente ali capaci di volare così in alto?

D’un tratto Dante fu come colpito da un lampo fulmineo e abbagliante ed ebbe la visione di Dio: ma fu un attimo, un brevissimo istante. Poi la visione svanì.

Il grande viaggio, la grande fantasia si erano conclusi, perché così aveva voluto Dio, l’amore che muove il sole e le altre stelle.