Protezionismo: pro e contro, spiegato semplice

Gli economisti definiscono protezionismo l’indirizzo di politica economica messo in atto da uno stato per favorire i propri produttori rispetto a quelli di altri paesi.

Con il protezionismo:

  • si riducono le importazioni e si impongono dazi per frenare l’acquisto di merci straniere;
  • si aumenta il prezzo delle merci straniere o si fissa la quantità massima che può essere importata;
  • si concedono ai vari produttori dei sussidi così da avvantaggiarli rispetto alla concorrenza straniera.

I sostenitori di questo sistema affermano che queste misure sono utili a incrementare l’occupazione in quei settori che producono per l’esportazione. I suoi denigratori, invece, sostengono che questa politica, pur essendo utile a difendere alcune classi sociali, finisce per provocare una contrazione del reddito nazionale dal momento che le industrie non sono più competitive con l’estero.

Per un approfondimento leggi qui