Sapienza contro le mafie: dalla parte della Costituzione, aspettando il 23 maggio

In occasione del trentesimo anniversario delle stragi di Capaci e di via D’Amelio, l’Università promuove una tre giorni dedicata ai valori della legalità con ospiti del mondo della cultura, della magistratura, delle forze dell’ordine, dello sport e della società civile

373
Strage di Capaci commemorata alla Sapienza

23 maggio 1992: strage di Capaci, un evento drammatico che non dimenticheremo mai.

Lunedì 16 maggio 2022 alle ore 16.00, presso il Teatro Ateneo dell’Università La Sapienza di Roma, si terrà la giornata inaugurale di “Sapienza contro le mafie: dalla parte della Costituzione. Aspettando il 23 maggio”, un’iniziativa di tre giorni organizzata dalla Sapienza con il contributo attivo di studentesse e studenti. Tre incontri, dedicati al contrasto alle mafie e alla promozione dei valori costituzionali, a cui parteciperanno personalità del mondo della cultura, della magistratura, delle forze dell’ordine e della società civile che si ritroveranno per riflettere con la comunità universitaria e con tutta la cittadinanza in occasione del trentesimo anniversario delle stragi di Capaci e di via D’Amelio.

“Con questa iniziativa – dichiara la rettrice Antonella Polimeni – intendiamo rafforzare la consapevolezza che giovani e legalità costituiscono un binomio veramente inscindibile. La legalità è figlia dell’etica che dà senso e coesione alla comunità a cui spetta il compito di educare le nuove generazioni ai valori dell’agire insieme per la cosa pubblica e dunque alla democrazia. Dopo l’iniziativa dello scorso anno, che ha visto la collocazione lungo il viale principale dell’Università di undici pietre d’inciampo dedicate alle vittime di mafia, – prosegue la Rettrice – l’Ateneo si prepara ad accogliere, dal prossimo 16 maggio, uno spazio di dibattito con ospiti che si sono contraddistinti per il loro impegno a favore della legalità e contro le criminalità organizzate”.

I lavori, che si terranno presso il Teatro Ateneo, saranno aperti dai saluti della rettrice Antonella Polimeni, della ministra dell’Interno Luciana Lamorgese, di Lamberto Giannini, capo della Polizia e direttore generale della Pubblica sicurezza, di Teo Luzi, comandante generale dell’Arma dei Carabinieri, di Giuseppe Zafarana, comandante generale della Guardia di Finanza, Giovanni Melillo, Procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo, di Francesco Lo Voi, procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Roma, di Antonio Lodise, studente Sapienza, di Luigi Ciotti, fondatore di Libera – Associazioni, nomi e numeri contro le mafie. Coordina Massimo Brutti della Sapienza.

Nei giorni successivi, si alterneranno esperienze, storie, contributi, ricordi di testimoni e personalità, con il supporto dei giornalisti del quotidiano la Repubblica e del settimanale L’Espresso.

Nella giornata di lunedì 16 maggio si terrà l’incontro dal titolo “L’impegno della Repubblica contro i poteri mafiosi” che vedrà gli interventi di Vittorio Rizzi, vicecapo della Polizia e direttore centrale della Polizia criminale; Isaia Sales, storico. Seguirà la tavola rotonda “Donne contro la mafia” coordinata dal Anna Maria Giannini della Sapienza, alla quale parteciperà, tra gli altri, Maria Luisa Pellizzari, vicecapo vicario della Polizia di Stato.

Martedì 17 maggio all’incontro “Memoria e testimonianze” interverranno, tra gli altri, Michele Prestipino, procuratore aggiunto di Roma; Enzo Ciconte, storico; Giancarlo De Cataldo, magistrato e scrittore; seguirà la tavola rotonda “Il valore della memoria” coordinata da Fabio Lucidi della Sapienza, alla quale parteciperanno Lirio Abbate, giornalista, scrittore e direttore de L’Espresso; Salvatore Aglioti, neuroscienziato; Tina Montinaro,attivista, Franco La Torre, attivista e scrittore. 

Nella giornata conclusiva di mercoledì 18 maggio dedicata a “Le mafie, i territori” interverranno, tra gli altri, Maurizio Vallone, direttore della Direzione investigativa antimafia; Antonio Loffredo, parroco del rione Sanità di Napoli; Sandro Ruotolo, giornalista e senatore della Repubblica italiana. Seguirà la tavola rotonda “Territori tra controllo, contrasto e impegno”, moderata da Daniela De Leo della Sapienza, a cui parteciperanno Tobia Zevi, presidente del Forum cittadino sui beni confiscati alla criminalità organizzata, Roma Capitale, Carlo Bonini, vicedirettore de la Repubblica e Fabrizio Feo, giornalista del Tg3, Pino Maddaloni, judoka.

 

Modalità di accredito

Le richieste devono pervenire entro le ore 12.00 di lunedì 16 maggio 2022 al seguente indirizzo di posta dell’Ufficio stampa e comunicazione: [email protected]