canti carnascialeschi
"Combattimento fra Carnevale e Quaresima" (1559) di Pieter Bruegel il Vecchio.

L'aggettivo "carnascialesco" è la forma arcaica toscana di "carnevalesco", e quindi sta per "relativo al carnevale", cioè a un momento dell'anno liturgico che precede la penitenza quaresimale e l'astinenza alimentare ("carnevale" deriva dal latino medievale carnelevare "proibire la carne").

I canti carnascialeschi erano molto in voga tra il XV e il XVI secolo, soprattutto nella Firenze medicea del Rinascimento. Si tratta di canti che, durante ...

Caro amico di Studia Rapido, per continuare la lettura di questo articolo, registrati con la tua email.

REGISTRATI

Se sei già registrato inserisci la tua email e password qui sotto.

Grazie e buona lettura!