I bari di Caravaggio
I bari, Caravaggio, 1594, olio su tela, 9,41x13,15 cm, Forth Worth (Texas), Kimbell Art Museum

I bari di Caravaggio è uno dei quadri più celebri della cosiddetta “pittura di genere”. Caravaggio rappresentò numerosi “personaggi in ombra”. Si tratta di popolane, garzoni, musici, giocatori di carte, tutti ritratti con grande realismo.

A volte Caravaggio li metteva in scena, con la sua pittura, con ironico e compiaciuto divertimento, altre volte con un intento morale e partecipazione emotiva, sempre per esprimere una riflessione sui diversi aspetti dell’esistenza umana.

Il dipinto I bari fu commissionato a Caravaggio dal cardinale Francesco Maria Del Monte, il cui stemma è dipinto sul retro.

I bari di Caravaggio – descrizione

Dal fondo, illuminate da un mobile gioco di luci e ombre, emergono tre figure. Si tratta di tre uomini intenti a giocare una partita di carte: un giovane vestito di scuro valuta la mossa da fare; l’altro giocatore, approfittando della sua disattenzione, estrae dalla cintura due carte false mentre il suo fraudolento compare, messosi a fianco del giovane onesto, gli spia le carte e segnala i punti al compagno con il gesto della mano.

Ogni dettaglio della scena è descritto da Caravaggio con grande precisione: la scatola da gioco nell’angolo sinistro; le vesti dei personaggi; il guanto usurato del baro in piedi; le piume del copricapo del suo compagno; lo spadino alla cinta del giovane baro che sembra “bucare” la tela e penetrare nella realtà dello spettatore.

Osservate poi le espressioni degli uomini dipinti: il volto tranquillo e sereno del giovane onesto; il profilo teso del baro; l’espressione subdola del terzo.