Chi era il tiranno nella polis greca?

186
Chi era il tiranno nella polis greca

Il termine tiranno oggi ha una connotazione negativa e indica qualcuno che esercita un potere personale, crudele e illegittimo perché conseguito con la forza.

Le origini della tirannide: la tirannide greca

In realtà le origini del termine risalgono alla Grecia antica, quando il tiranno non era un personaggio politico negativo ma un nobile che appoggiava le fazioni popolari e le richieste delle classi sociali più basse.

I tiranni furono spesso sostenitori dell’espansione coloniale e commerciale della loro città; diedero impulso alle relazioni diplomatiche; furono committenti di opere d’arte e letterarie; promossero l’edilizia popolare.

Tipica del tiranno era l’ostilità nei confronti degli aristocratici, dalle cui fila pure essi provenivano ma emarginati dai circoli di comando della città.

Il potere eccezionale del tiranno nasceva dal malcontento popolare contro il governo aristocratico. Di tale molcontento si serviva per crearsi un largo consenso e impadronirsi del potere con un colpo di mano.

I tiranni inoltre favorivano il popolo e i ceti emergenti, che traevano dalla tirannide soprattutto vantaggi di carattere economico (redistribuzione di terre, apertura di traffici, opere pubbliche, ecc.).

Tuttavia, la maggioranza dei cittadini continuava a ritrovarsi esclusa dal governo. La tirannide rappresentava quindi la negazione della polis: laddove comandava un tiranno, infatti, non esisteva autogoverno dei cittadini e dunque non esisteva la polis.

Ti potrebbe interessare anche Polis greca, caratteristiche della città greca.

L’uso negativo dei termini “tiranno” e “tirannide” risale quindi al giudizio che delle tirannidi diedero gli stessi greci a partire dal VI secolo a.C., quando si affermò nella polis quell’idea di libertà del cittadino e di isonomìa (cioè l’uguaglianza dei cittadini di fronte alla legge) che rendeva odioso qualsiasi potere personale.

Così odioso da rendere non solo legittimo, ma anche altamente meritorio, il tirannicidio, cioè l’uccisione del tiranno.

La tirannide scomparve quasi ovunque verso la fine del VI secolo a.C.

Tra i tirannidi ricordiamo in particolare Policrate di Samo, Falaride di Agrigento, Gelone di Siracusa, Pisistrato di Atene.