Capitolo 4 dei Promessi Sposi riassunto

1627
Capitolo 4 dei Promessi Sposi riassunto

Riassunto breve del capitolo 4 dei Promessi Sposi di Alessandro Manzoni.

Padre Cristoforo, un frate cappuccino del convento di Pescarenico, si dirige verso la casa di Lucia e Agnese.

Il narratore si sofferma sulla sua storia. Figlio di un ricco mercante, Lodovico (questo il nome del frate cappuccino da laico) aveva trascorso una gioventù di agi, ma le sue origini non nobili gli erano fatte pesare. Disgustato dalle prepotenze degli aristocratici, aveva finito per assumerne gli stessi atteggiamenti violenti.

Un giorno gli capitò di essere coinvolto in una rissa con un cavaliere arrogante. Lodovico lo uccise, perché il cavaliere aveva colpito a morte il suo servo fidato, Cristoforo.

Lodovico si rifugiò allora in un convento di cappuccini, per evitare di essere ucciso per vendetta dai nobili. Qui fu preso dai rimorsi e maturò la decisione di farsi frate.

Preso il nome del servo morto, frate Cristoforo si recò dai parenti della sua vittima, chiedendone il perdono. Costoro, nonostante i propositi iniziali di vendetta o almeno di umiliazione, glielo concessero, commossi dalla sincerità del suo pentimento.

Terminata la regressione, il capitolo si chiude con l’arrivo di padre Cristoforo alla casa di Lucia e Agnese.

Per il riassunto dettagliato, l’analisi dei personaggi e il commento del capitolo 4 dei Promessi Sposi leggi qui.

Ti potrebbero interessare anche:

Alessandro Manzoni – vita e opere

Dal Fermo e Lucia ai Promessi Sposi del 1827 e del 1840

I Promessi Sposi guida alla lettura

I Promessi Sposi riassunto breve di tutti i capitoli