Dal “Cantico dei cantici”

1052
Capolettera di un passo del Cantico dei cantici da una miniatura del XV secolo (Modena, Biblioteca Estense)

 

Mettimi come sigillo sul tuo cuore,
come sigillo sul tuo braccio;
perché forte come la morte è l’amore,
tenace come il regno dei morti è la passione: le sue vampe sono vampe di
fuoco, una fiamma divina!
Le grandi acque non possono spegnere l’amore né i fiumi travolgerlo.
Se uno desse tutte le ricchezze della sua casa in cambio dell’amore, non ne
avrebbe che disprezzo.
(Cantico dei cantici 8, 6-8)