Daylight Saving Time - Orario per il risparmio della luce diurna.
Daylight Saving Time - Orario per il risparmio della luce diurna.

DAYLIGHT SAVING TIME – ORARIO PER IL RISPARMIO DELLA LUCE DIURNA

Benjamin Franklin (l’inventore del parafulmine) il 26 aprile 1784 pubblica sul quotidiano francese “Journal de Paris” la sua idea riguardo il meccanismo dello spostamento orario, che si basava sul principio del risparmio energetico. Le sue teorie, però, non trovarono seguito. Bisogna attendere oltre un secolo dopo, quando, nel 1916 a Londra, durante la Prima Guerra Mondiale, la Camera dei Comuni dà il via libera al “British Summer Time”, che implicava lo spostamento delle lancette un’ora avanti durante l’estate.
In tempo di guerra, infatti, il risparmio energetico era divenuto una priorità e molti Paesi imitarono l’esempio della Gran Bretagna, tra questi l’Italia.

L’Italia adotta l’ora legale, per la prima volta, il 3 giugno 1916 e rimase in uso fino al 1920. Poi, tra il 1940 e il 1948, l’ora legale fu abolita e ripristinata diverse volte a causa della Seconda Guerra Mondiale.

Nel 1966 l’ora legale viene adottata definitivamente. Inizialmente, però, la legge stabiliva che l’ora legale durasse quattro mesi, da fine maggio a fine settembre, mentre nel 1996 (in accordo con tutta la Comunità Europea) si è fissata, come data unica per il suo inizio, l’ultima domenica di marzo, per terminare, poi, l’ultima domenica di ottobre.

Non dimenticate allora: questa notte lancette un’ora avanti!