Fasce climatiche quante e quali sono

361
fasce climatiche

Le fasce climatiche (o zone climatiche) sono zone della Terra in cui il clima ha caratteristiche simili; sono tre e si ripetono a Nord e a Sud dell’Equatore: la zona polare, la zona temperata e la zona tropicale. Le fasce climatiche sono quindi caratterizzate da una diversa latitudine.

Zona polare artica e antartica

La zona polare artica a nord e la zona polare antartica a sud hanno un clima glaciale: le temperature arrivano a 70° sottozero.

Sono le zone più fredde del pianeta, in gran parte ricoperte di ghiaccio durante tutto l’anno.

In queste zone si alternano solamente due stagioni: l’estate, in cui il Sole non tramonta per sei mesi, ma il calore è molto debole; l’inverno, con sei mesi di cielo quasi completamente buio.

Al Polo Nord vivono pochissimi uomini; la vegetazione è scarsa e gli animali sono dotati di folte pellicce per combattere il freddo, come orsi bianchi, renne, foche e volpi artiche.

Via via che ci si allontana dal Polo, il ghiaccio lascia spazio alla tundra, un terreno fangoso in cui crescono muschi e licheni.

Zona temperata boreale e australe

La zona temperata boreale a nord e al zona temperata australe a sud sono caratterizzate dall’alternarsi di quattro stagioni differenti.

Il clima mite favorisce la presenza di ambienti naturali molto diversificati e aree abitate fortemente trasformate dall’uomo.

Oltre alle grandi foreste di conifere e latifoglie e alle distese d’erba delle praterie, l’ambiente naturale tipico di questa zona è la macchia mediterranea.

In queste terre fertili che circondano il Mar Mediterraneo migliaia di anni fa l’uomo ha iniziato a coltivare cereali, ortaggi e frutta, e ad allevare animali.

Olive, uva, mandorle, fichi, agrumi ed erbe aromatiche sono solo alcuni dei prodotti ancora coltivati nella zona mediterranea.

Zona tropicale

La zona tropicale riceve i raggi solari con intensità per tutta la durata dell’anno, quindi le temperature sono sempre molto elevate. Tuttavia, in alcune zone si distingue la stagione secca dalla stagione delle piogge forti.

Vicino all’Equatore le piogge abbondanti hanno dato vita alle foreste pluviali, che accolgono un’estrema biodiversità. Qui vive infatti la metà delle specie animali e vegetali del pianeta.

Le zone meno piovose sono caratterizzate dalle savane, enormi distese in cui crescono piante erbacee e vivono leoni, zebre, giraffe ed elefanti. Nelle zone dove non piove quasi mai sono diffusi i deserti, enormi distese di sabbia e pietra.