Incendio di Roma, 18 luglio 64 d.C.

5024
incendio di roma del 64 d.C.
Le torce di Nerone (1876), del pittore polacco Henryk Siemiradzki.

Incendio di Roma del 18 luglio 64 d.C. – Roma, al tempo dell’imperatore romano Nerone: un terribile incendio distrugge gran parte della città.

Il fuoco cominciò a divampare nella zona del Circo Massimo la notte del 18 luglio del 64 d.C. e imperversò per 9 giorni, propagandosi per tutta la città. Le vittime furono migliaia e numerosissimi gli edifici che andarono perduti per sempre.

Riferisce lo storico Tacito (50 – 120 d.C. circa) che Nerone, per liberarsi dell’accusa di aver lui stesso provocato l’incendio di Roma (una città affollatissima e in gran parte edificata in legno) al fine di poter ricostruire più bella la città e fare spazio al suo grande palazzo, la Domus Aurea, gettò la colpa sui cristiani.

I Romani mal tolleravano i cristiani. Quella dei cristiani era infatti una comunità di seguaci di un culto che allora era considerato strano e misterioso. Il loro modo di vivere, così appartato e diverso, sembrava fatto apposta per suscitare la diffidenza del popolo e accreditare i peggiori sospetti.

E così, sotto il regno di Nerone, si svolse la prima persecuzione contro i cristiani, durante la quale morirono anche Pietro e Paolo.

Tacito riferisce che Nerone trasformò in spettacolo gli atroci supplizi dei cristiani: «Rivestiti con pelli di animali feroci, venivano dati in pasto ai cani oppure crocefissi, o arsi vivi come torce per illuminare le vie dopo il tramonto. Nerone aveva messo a disposizione i suoi giardini per questo spettacolo».

Probabilmente è questa la fonte cui si ispira il pittore polacco Henryk Siemiradzki (1843 – 1902) nel realizzare il dipinto.