Cosa s'intende con ... è una Babele

Si dice che È una Babele o È una Babilonia un luogo o una situazione che presenta una grande confusione o un notevole disordine.

Questo modo di dire trae origine da uno dei racconti della Bibbia presente nel libro della Genesi in cui si dice che, dopo il diluvio universale, i Babilonesi cominciarono a edificare un tempio dedicato al loro dio Marduk: sarebbe stata una torre altissima, la cui punta sarebbe arrivata fino al cielo.

Il progetto dei Babilonesi sembrò però a Jahvé un atto di presunzione e una sfida alla propria grandezza. Egli pertanto decise di punirli, impedendo la realizzazione di quell’opera superba.

Per farlo, Jahvé rese diverse le lingue parlate dagli operai che edificavano la torre. La confusione che ne seguì fu così grande che essi interruppero i lavori e si dispersero sulla terra. Per questo la città prese il nome di Babele il cui termine deriva dall’ebraico Balal che significa “confondere”.

Secondo la tradizione, quindi, la mescolanza delle lingue e la successiva dispersione dei popoli nel mondo trovano motivazione nell’ira divina e nella punizione di quanti vollero sfidarlo.

Riguardo alla torre era probabilmente uno dei famosi templi mesopotamici a forma di piramide a gradoni (ziqqurat), al cui vertice si trovava il santuario della divinità.