Cuore umano spiegazione semplice

1864
cuore umano

Il cuore umano è un muscolo cavo istriato che batte in continuazione circa 70 volte al minuto. È un muscolo involontario perché si contrae indipendentemente dalla nostra volontà. Contraendosi e dilatandosi dà al sangue la spinta necessaria per raggiungere tutte le parti dell’organismo.

È grande come un pugno, si trova tra i polmoni ed è protetto dalle ossa del torace.

È formato da un particolare tessuto muscolare, il miocardio; è rivestito da una spessa membrana, il pericardio; infine, particolari arterie, le coronarie, lo circondano e lo nutrono.

Il cuore umano è diviso in due parti, una destra e una sinistra, che non comunicano fra loro. La parte destra, infatti, contiene il sangue carico di anidride carbonica, il sangue venoso; la parte sinistra contiene il sangue ricco di ossigeno, il sangue arterioso.

Ognuna delle due parti, destra e sinistra, è suddivisa in due cavità che invece comunicano tra loro: l’atrio in alto e il ventricolo in basso.

Tra ogni atrio (destro e sinistro) e il rispettivo ventricolo (destro o sinistro) c’è una valvola, cioè una piccola apertura che può aprirsi e chiudersi. Le valvole regolano il flusso del sangue.

Più precisamente, l’atrio destro comunica (valvola tricuspide) con il ventricolo destro ed entrambi contengono sangue venoso. L’atrio sinistro comunica (valvola bicuspide o mitrale) con il ventricolo sinistro ed entrambi contengono sangue arterioso.

La contrazione del cuore che spinge il sangue in circolo dai ventricoli è detta sistole; il rilasciamento che permette l’aspirazione del sangue negli atri è detta diastole. La successione sistole-diastole forma il ciclo cardiaco.

Il ciclo cardiaco è il responsabile della circolazione sanguigna, cioè dell’intero percorso che il sangue fa attraversando tutto il nostro corpo.