Il mare Egeo: perché si chiama così?
Il mare Egeo: perché si chiama così?

Il mare Egeo è compreso tra la costa orientale dell’attuale Grecia, l’isola di Creta (a sud) e la costa occidentale dell’Asia Minore.

Il mare Egeo prende il suo nome da Egeo, re di Atene e padre di Teseo (a sua volta futuro re di Atene).

Pasifae e il Minotauro

La leggenda narra che Pasifae, la moglie del re cretese Minosse, generò da un toro un mostro, il Minotauro, dal corpo umano e dalla testa taurina.

Il Minotauro fu rinchiuso nel Labirinto, progettato dall’architetto Dedalo, dal quale era impossibile uscire.

Teseo in viaggio per Creta

Soggetti al dominio di Creta, gli Ateniesi erano costretti a pagare un pesante tributo: ogni nove anni dovevano inviare sette fanciulli e sette fanciulle in pasto al Minotauro.

Teseo, venuto a conoscenza della cosa, volle far parte del gruppo delle vittime; il suo scopo era quello di uccidere l’orrendo mostro.

Prima di partire, Teseo promise al padre Egeo che se tutto fosse andato secondo le previsioni, avrebbe comunicato dall’orizzonte il suo successo inalberando una vela bianca in segno di vittoria.

La nave partì come aveva già fatto tante volte: con le vele nere, simbolo di dolore e di lutto.

Teseo e il Minotauro

Giunto a Creta, Teseo accettò l’aiuto di Arianna, la figlia di Minosse, che si era innamorata di lui. La principessa consegnò all’eroe un gomitolo da srotolare man mano che si inoltrava nei meandri tortuosi del Labirinto, così da non smarrire la via del ritorno; in cambio dell’aiuto prestato, Arianna aveva ottenuto da Teseo la promessa di essere portata con lui ad Atene e sposata.

Teseo e Arianna

Ucciso il Minotauro e uscito dal Labirinto grazie al filo di Arianna, Teseo si imbarcò alla volta di Atene, portando con sé Arianna. Però da spergiuro l’abbandonò sull’isola di Nasso (da cui l’espressione “piantare in Nasso”, divenuta “piantare in asso”).

La fanciulla, sedotta e abbandonata, maledisse l’eroe ateniese e la sua maledizione colse nel segno. Teseo, infatti, dimenticò di cambiare le vele come promesso al padre Egeo; questi, avvistata l’imbarcazione con le vele ancora nere, credette il figlio ucciso e si gettò dall’alto di una scogliera nel mare che da lui prese il nome: il mare Egeo.