Il presente indicativo quando si usa - esempi

Il presente indicativo esprime un’azione, uno stato o un modo di essere che si verificano nel momento in cui si parla: Il telefono squilla.

Ma il presente indicativo si usa anche:

  • per indicare un’azione consueta, che si ripete abitualmente (presente di consuetudine): Vado a scuola in bicicletta; L’aereo per Napoli parte alle nove.

 

  • per indicare un fatto, una conoscenza sempre validi (presente atemporale), come:

– nelle leggi e nelle definizioni scientifiche:
La somma degli angoli interni di un triangolo è 180°; L’olio galleggia.

– nelle descrizioni geografiche:
Il Tirreno bagna le coste della Toscana e del Lazio; Il Po sfocia nel mar Adriatico.

– nelle verità accettate da tutti, nei proverbi e nelle massime:
La libertà non ha prezzo; chi rompe paga; Chi dorme non piglia pesci.

– nelle citazioni letterarie:
Giacomo Leopardi dice che il dolore è l’unica realtà per l’uomo.

  • per indicare un’azione che avverrà nell’immediato futuro, soprattutto nel linguaggio parlato: Anna è uscita, ma torna subito; Stasera vado al cinema con Mauro.

 

  • nei testi narrativi o storico-descrittivi, il presente indicativo è spesso usato al posto di un tempo passato per dare immediatezza e vivacità ai fatti narrati o descritti (presente storico): In quel momento i congiurati pugnalano Cesare.

Ti potrebbero interessare:

Imperfetto indicativo: quando si usa – esempi

Passato prossimo in Italiano: quando usarlo

Passato remoto o passato prossimo: quando usarli?

Trapassato prossimo: quando si usa? come si forma

Trapassato remoto: si usa ancora? quando?

Futuro semplice in Italiano quando si usa – esempi

Futuro anteriore quando si usa – esempi