Il passato remoto e confronto con il passato prossimo

Il passato remoto indica un passato del tutto trascorso, senza alcuna relazione con il presente.

Esempi

Lucia urlò. → azione momentanea e compiuta nel passato.

Mia figlia cadde dalla bicicletta. → azione avvenuta una sola volta e conclusa.

Cristoforo Colombo sbarcò a San Salvador il 12 ottobre 1492. → azione lontana nel tempo.

Attenzione! Passato remoto o passato prossimo?

Nella lingua parlata il passato remoto è sempre più spesso sostituito dal passato prossimo, anche per parlare di fatti conclusi, avvenuti in un tempo lontano: L’anno scorso abbiamo fatto un viaggio a Parigi.

È utile ricordare che una differenza tra i due tempi (passato remoto e prossimo) esiste e che non si fonda sulla lontananza nel tempo dell’evento, ma sulla sua durata.

Entrambi i tempi, infatti, indicano un evento accaduto nel passato, ma il passato prossimo indica un evento, più o meno lontano, i cui effetti durano ancora nel presente; il passato remoto, invece, indica un evento più o meno lontano nel tempo, ma completamente concluso.

Così, correttamente, diremo: L’anno scorso facemmo un viaggio a Parigi. Questo perché l’azione espressa dal verbo si esaurisce tutta nel passato.

Ti potrebbero interessare:

Il presente indicativo: quando si usa – esempi

Imperfetto indicativo: quando si usa – esempi

Passato prossimo in Italiano: quando usarlo

Trapassato prossimo: quando si usa, come si forma

Trapassato remoto: si usa ancora? quando?

Futuro semplice in Italiano: quando si usa – esempi

Futuro anteriore: quando si usa – esempi