imperfetto indicativo: quando si usa - esempi

L’imperfetto indicativo indica un’azione che si svolgeva nel passato, presentandola nel suo svolgimento e mettendone in evidenza la durata.

L’imperfetto indicativo si usa:

  • per indicare un’azione non compiuta, che dura ancora rispetto a un’altra: Quando entrai, tu dormivi. Nelle narrazioni si alterna al passato remoto, che indica azioni puntuali.

 

  • per indicare un’azione che nel passato si ripeteva abitualmente (imperfetto di consuetudine). Veniva ogni giorno a trovarci e ci portava sempre qualcosa.

 

  • nelle descrizioni in testi narrativi (imperfetto descrittivo). La luce del mattino illuminava i campi.

 

  • nelle narrazioni di fatti storici al posto del passato remoto (imperfetto storico). I Greci estendevano le loro colonie fino alla Sicilia e alla Spagna.

Ti potrebbero interessare:

Presente indicativo: quando si usa – esempi

Passato prossimo in Italiano: quando usarlo

Passato remoto o passato prossimo: quando usarli?

Trapassato prossimo: quando si usa, come si forma

Trapassato remoto: si usa ancora? quando?

Futuro semplice in Italiano: quando si usa – esempi

Futuro anteriore: quando si usa – esempi