Pasqua ebraica e Pasqua cristiana

471
pasqua ebraica e pasqua cristiana

Pasqua ebraica e Pasqua cristiana hanno significati diversi.

Pasqua ebraica

La Pasqua ebraica (in ebraico Pesach, cioè “passaggio”) celebra la liberazione del popolo ebraico dalla schiavitù d’Egitto e l’esodo, cioè il viaggio verso la Palestina sotto la guida di Mosè.

Gli Ebrei celebrano la Pasqua ripetendo la cena che fecero i loro padri la notte prima della partenza dall’Egitto:

  • la coscia d’agnello, simboleggia il braccio potente con cui Dio liberò il popolo dall’Egitto;
  • il vino, per brindare e rendere grazie a Dio che ha liberato il suo popolo dalla schiavitù e dalla sofferenza dell’Egitto;
  • le uova sode, simboleggiano la nuova vita che Dio ha donato con la libertà;
  • le erbe amare, per ricordare l’amarezza della schiavitù in Egitto;
  • il pane azzimo, per ricordare che, in procinto di partire, gli ebrei non ebbero il tempo di far lievitare la pasta del pane.

Pasqua cristiana

La Pasqua cristiana invece ricorda la morte e la Risurrezione di Gesù. Gesù era andato a Gerusalemme per celebrare la Pasqua ebraica assieme ai discepoli. A Gerusalemme è arrestato, processato e crocifisso. Muore di venerdì, il giorno che precedeva il sabato della Pasqua ebraica.

Le donne si recano al sepolcro “il giorno dopo il sabato”, cioè la domenica, e scoprono il sepolcro vuoto: Geù era risorto.

La Pasqua cristiana, al contrario di quella ebraica che viene celebrata di sabato, si festeggia sempre di domenica, giorno della Risurrezione di Gesù.

Per i cattolici e i protestanti la Pasqua cade la domenica successiva alla prima luna piena di primavera, dopo l’equinozio di primavera che cade intorno al 21 marzo; per gli ortodossi, invece, che usano un calendario diverso, viene sempre prima di quella ebraica.

Per i cattolici la Pasqua è preceduta dalla Settimana Santa, che inizia con la Domenica delle Palme e si conclude con il Sabato Santo.

Nei giorni del triduo pasquale (giovedì, venerdì e sabato) si ricordano l’istituzione dell’eucarestia (l’ultima cena) e la morte in croce di Gesù e si celebra la veglia pasquale in attesa della Risurrezione.

Per gli ortodossi la veglia pasquale è molto importante e dura tutta la notte, mentre solo alcune chiese protestanti la celebrano.