Simboli olimpici quali sono e significato

353
simboli olimpici

I simboli olimpici – la bandiera, il giuramento, la fiamma e l’inno – rispecchiano i principi e i valori dei Giochi olimpici: il gioco leale, l’amicizia, la solidarietà, l’impegno, il rispetto, il coraggio, il miglioramento di sé, la pace, l’uguaglianza, l’internazionalismo.

Simboli olimpici

Bandiera olimpica

La bandiera olimpica fu creata nel 1914 da Pierre de Coubertin (1863-1937) e presentata per la prima volta ai giochi di Anversa del 1920.

La bandiera, a sfondo bianco senza bordi, porta al centro cinque cerchi concatenati di colore blu, giallo, nero, verde e rosso, simbolo dei cinque continenti. I cinque cerchi intrecciati simboleggiano l’unione e l’amicizia tra i popoli dei cinque continenti, da cui provengono gli atleti.

Giuramento olimpico

Il giuramento olimpico, pronunciato per la prima volta ai giochi di Anversa (1920), nella sua forma attuale, è il seguente: «A nome di tutti i partecipanti, io giuro che noi tutti ci presentiamo ai giochi olimpici rispettosi degli attuali regolamenti e desiderosi di concorrere con spirito cavalleresco per la gloria dello sport e l’onore delle nostre squadre».

Il giuramento è pronunciato in occasione della cerimonia di apertura dei Giochi da un atleta a nome di tutti i partecipanti.

Fiamma olimpica

La fiamma olimpica, portata per la prima volta ai giochi di Berlino nel 1936, viene accesa a Olimpia (Grecia), culla storica dei Giochi olimpici; è poi portata su una torcia, che passa di mano in mano su un percorso di migliaia di  km, lungo il quale si alternano tedofori di ogni nazionalità e recata fino allo stadio olimpico della città che ospita i giochi: qui rimane accesa per tutta la durata della manifestazione.

La fiamma olimpica è simbolo di pace e armonia fra i popoli del mondo intero.

Inno olimpico

L’inno olimpico è un brano musicale composto dal compositore greco Spyron Samaras, con parole tratte da un poema dello scrittore e poeta greco Kostis Palamas.

Venne eseguito per la prima volta in occasione della prima edizione dei giochi olimpici del 1896.

Negli anni a seguire si decise di cambiare inno in base al Paese in cui si svolgevano i giochi, commissionando musica e parole agli artisti del luogo.

Nel 1958 il CIO (Comitato Internazionale Olimpico) rese ufficiale l’inno di Samaras e Palamas.