A se stesso Leopardi, parafrasi, analisi e commento

Giacomo Leopardi compone "A se stesso" nel maggio 1833 e la pubblica poi nell'edizione napoletana dei Canti (1835). La poesia fa parte del Ciclo Aspasia. Il titolo della raccolta fa riferimento ad Aspasia, l'etera amata da Pericle nel V secolo a.C.

La poesia trae spunto da un evento reale: la profonda delusione che il poeta prova quando scopre che la donna amata, la bella e colta signora dei salotti fiorentini, Fanny Targioni Tozzetti, non ric...

Caro amico di Studia Rapido, per continuare la lettura di questo articolo, registrati con la tua email.

REGISTRATI

Se sei già registrato inserisci la tua email e password qui sotto.

Grazie e buona lettura!