Accettura (in provincia di Matera in Basilicata) si trova nel mezzo del Parco Regionale di Gallipoli Cognato Piccole Dolomiti lucane.
Le sue origini sono bizantine, ma la successiva occupazione normanna le hanno conferito l’aspetto di cittadina medievale fortificata.
Gli accetturesi hanno una maniera assai particolare di festeggiare il loro patrono, San Giuliano. Nel giorno dell’Ascensione (quest’anno cade il 1° di giugno) due gruppi di accetturesi si dirigono rispettivamente alla foresta di Gallipoli-Cognato per tagliare un agrifoglio e al bosco di Montepiano per tagliare un cerro.
Entrambi gli alberi sono scelti tra quelli più grandi e più diritti presenti nei due boschi.  Nel giorno di Pentecoste (quest’anno cade l’8 giugno) entrambi gli alberi sono trasportati fino al paese, l’agrifoglio a spalla, il cerro è trainato da buoi. Entrambi i cortei sono accompagnati da canti e balli sfrenati.
Il martedì successivo l’agrifoglio viene innestato sul cerro e insieme vengono innalzati nella piazza centrale del paese al cospetto della statua di San Giuliano portata in processione.
Si tratta di un rito propiziatorio di fertilità e buoni raccolti.