Capitolo 2 dei Promessi Sposi riassunto

Riassunto breve del capitolo 2 dei Promessi Sposi di Alessandro Manzoni.

Il povero don Abbondio, dopo l’incontro con i bravi, trascorre una notte agitatissima. Deve trovare una scusa per non celebrare il matrimonio tra Renzo e Lucia.

Pensa allora di ritardare il matrimonio di qualche giorno in modo da entrare nel periodo dell’Avvento, durante il quale non è consentito celebrare matrimoni.

Renzo, con l’allegra spavalderia di un giovane innamorato, giunge a casa del curato per accordarsi sull’orario di matrimonio da celebrare in giornata. Don Abbondio gli comunica che deve ancora sbrigare delle formalità e che pertanto il matrimonio deve essere rinviato di una settimana.

Renzo intuisce che c’è sotto qualcosa di strano. Esce dalla canonica e vede nell’orto Perpetua, la «serva affezionata e fedele» di don Abbondio. La donna gli fa intuire che la colpa del rinvio del matrimonio non è di don Abbondio ma di qualche birbone, di qualche prepotente. Le parole di Perpetua inducono Renzo, stravolto dall’ira, a ritornare dal curato e lo costringe a confesssare.

Il curato gli dice che la richiesta di annullare le nozze è giunta da don Rodrigo.

Renzo si allontana infuriato dalla casa di don Abbondio e si reca da Lucia per comunicarle l’amara verità: le nozze sono sospese.

Per il riassunto dettagliato, l’analisi dei personaggi e il commento del capitolo 2 dei Promessi Sposi leggi qui.

Ti potrebbero interessare anche:

Alessandro Manzoni – vita e opere

Dal Fermo e Lucia ai Promessi Sposi del 1827 e del 1840

I Promessi Sposi guida alla lettura

I Promessi Sposi riassunto breve di tutti i capitoli