cime tempestose
Wuthering Heights [Cime tempestose] 1847, Emily Brontë

Cime Tempestose [Wuthering Heights] è un esempio di quel filone della letteratura romantica distinto dal romanzo storico. È intriso di passioni devastanti, di scenari cupi e di figure titaniche. Cime Tempestose apparve nel 1847, poco prima della morte dell’autrice, Emily Brontë (1818-1848).

Il romanzo Cime tempestose, destinato a una vasta fortuna, ha il pregio di fondere natura e psicologia umana.

Cime tempestose è raccontato in prima persona da un viaggatore che si finge informato dei fatti. Ha una profonda vena lirica che mette in secondo piano disparità sociali e contesto storico. Sarà un modello per il romanzo amoroso.

Il romanzo Cime tempestose è fondato sulla contrapposizione fra la casa sulle cime tempestose in cui vivono la famiglia Earnshaw e la casa della valle, dove vive la mite famiglia Linton.

All’interno della famiglia Earnshaw vive il trovatello Heathcliff. Egli è violento e quasi selvaggio, animato da una forza distruttiva che sembra provenire dalle viscere stesse della natura.
Heathcliff si innamora presto della figlia del suo benefattore, Catherine, ricevendone affetto e comprensione. Ma alla morte di Earnshaw, suo figlio, lo smidollato Hindley, si mostra ostile nei suoi confronti.

Gli eventi precipitano quando Heathcliff scopre che Catherine si rifiuta di sposarlo per la sua inferiorità sociale. Furibondo, egli lascia la casa che lo aveva accolto. Durante la sua assenza, Catherine sposa un figlio dei Linton, Edgar, uomo debole e senza carattere. Tornato dopo tre anni, arricchito e con il proposito di vendicarsi, Heathcliff turba costantemente il matrimonio di Catherine, che non sa sottrarsi al suo fascino. Il fratello di lei, invece, accoglie l’odiato trovatello per abusare della sua fortuna. I rapporti di forza vengono, comunque, rovesciati: Hindley, ormai sposato, viene tiranneggiato, insieme al figlioletto Hareton, costretto da Heathcliff, per vendetta, a condurre una vita da selvaggio; e Catherine muore, dopo aver dato alla luce una figlia, Cathy.

Perso l’oggetto della sua passione, il furore di Heathcliff si concentra sulla bambina. Sposatosi con Isabella, la sorella di Edgar Linton, che maltratta crudelmente, egli ha da lei un figlio di aspetto ripugnante. Cathy, dopo molte angherie, viene costretta a sposarlo, ma il matrimonio non dura a lungo. Il figlio di Heathcliff muore e Cathy si lega a poco a poco al cugino Hareton, che prova a proteggere dalla malvagità di Heathcliff. Le nozze dei due chiudono la storia: Heathcliff, sempre più avvilito e desideroso di ricongiungersi a Catherine, muore nella disperazione, e le famiglie Earnshaw e Linton sopravvivono alla sua furia con il legame di Cathy ed Hareton. La natura non solo distrugge ma ricrea.