Gian Lorenzo Bernini - vita e opere, riassunto

Gian Lorenzo Bernini (Napoli, 7 dicembre 1598 – Roma, 28 novembre 1680), architetto, scultore, pittore, scenografo e autore di teatro. È l’artista barocco per eccellenza.

Gian Lorenzo Bernini – Le prime opere

Gian Lorenzo Bernini inizia, poco più che ventenne, a realizzare per Scipione Borghese i gruppi scultorei di Enea e Anchise, Apollo e Dafne, Ratto di Proserpina, David che scaglia il sasso.

Enea e Anchise, ispirato all’Eneide di Virgilio. Raffigura il momento in cui Enea, in fuga da Troia in fiamme, porta sulle spalle il vecchio padre Anchise ed è seguito dal figlioletto Ascanio.

Gian Lorenzo Bernini, Enea e Anchise, 1618-1619, marmo, h. 220 cm. Roma, Galleria Borghese
Gian Lorenzo Bernini, Enea e Anchise, 1618-1619, marmo, h. 220 cm. Roma, Galleria Borghese

Ratto di Proserpina: il re degli inferi Plutone rapisce la figlia di Giove e Cerere, mentre il cane Cerbero sorveglia l’azione. Per un approfondimento clicca qui

Gian Lorenzo Bernini, Ratto di Proserpina, 1621-1622, marmo, h. 225 cm. Roma, Galleria Borghese
Gian Lorenzo Bernini, Ratto di Proserpina, 1621-1622, marmo, h. 225 cm. Roma, Galleria Borghese

Apollo e Dafne. Dafne scappa disperata, con la bocca socchiusa in un grido, mentre Apollo l’ha quasi raggiunta. Per un approfondimento clicca qui

Gian Lorenzo Bernini, Apollo e Dafne, 1622-1625, marmo, h. 243 cm. Roma, Galleria Borghese
Gian Lorenzo Bernini, Apollo e Dafne, 1622-1625, marmo, h. 243 cm. Roma, Galleria Borghese

David che scaglia il sasso. Il giovane eroe è raffigurato mentre sta per roteare la fionda e lanciare il sasso che ucciderà Golia. Il volto concentrato, con le labbra serrate per lo sforzo, è un autoritratto dell’artista.

Gian Lorenzo Bernini, David che scaglia il sasso, 1623-1624, marmo, h.170 cm. Roma, Galleria Borghese
Gian Lorenzo Bernini, David che scaglia il sasso, 1623-1624, marmo, h.170 cm. Roma, Galleria Borghese

Gian Lorenzo Bernini – Le opere per San Pietro e le altre

Nel 1624 inizia la lunga serie di opere per San Pietro, in cui fu impegnato per più di quarant’anni.

Con Urbano VIII (1623-1644), Bernini intrattiene un rapporto stretto, realizzando il Baldacchino di San Pietro (per un approfondimento clicca qui).

Gian Lorenzo Bernini, Baldacchino di san pietro, 1624-1633, bronzo dorato, legno e marmi policromi, h. 28,70 m. Città del Vaticano, Basilica di San Pietro
Gian Lorenzo Bernini, Baldacchino di San Pietro, 1624-1633, bronzo dorato, legno e marmi policromi, h. 28,70 m. Città del Vaticano, Basilica di San Pietro

e la tomba dello stesso papa, il Monumento funebre di Urbano VIII

 

Gian Lorenzo Bernini, Monumento funebre di Urbano VIII, 1628-1647, marmo, bronzo e legno. Città del Vaticano, Basilica di San Pietro
Gian Lorenzo Bernini, Monumento funebre di Urbano VIII, 1628-1647, marmo, bronzo e legno. Città del Vaticano, Basilica di San Pietro

Il successore di Urbano VIII, Innocenzo X (1644-1655), malgrado la sua predilezione personale per il rivale Borromini, lo incarica di costruire la Fontana dei Quattro Fiumi (per un approfondimento clicca qui).

Gian Lorenzo Bernini, La fontana dei fiumi,1648-1651, travertino. Roma, Piazza Navona
Gian Lorenzo Bernini, La fontana dei quattro fiumi,1648-1651, travertino. Roma, Piazza Navona

Allo stesso periodo risale la Cappella Cornaro con l’Estasi di santa Teresa, dai vistosi effetti teatrali (per un approfondimento clicca qui).

Cappella Cornaro, con al centro Estasi di santa Teresa, 1647 circa, marmo scolpito e stucchi dorati. Roma, Santa Maria della Vittoria
Cappella Cornaro, con al centro Estasi di santa Teresa, 1647 circa, marmo scolpito e stucchi dorati. Roma, Santa Maria della Vittoria

Sotto Alessandro VII (1655-1667), Bernini torna a lavorare in San Pietro, progettando:

Piazza san Pietro (per un approfondimento clicca qui).

Gian Lorenzo Bernini, Piazza San Pietro, 1656-1666, veduta aerea. Città del Vaticano
Gian Lorenzo Bernini, Piazza San Pietro, 1656-1666, veduta aerea. Città del Vaticano

la Cattedra di San Pietro

Gian Lorenzo Bernini, Cattedra di San Pietro, 1657-1666, marmo, bronzo, stucco dorato. Città del vaticano, Basilica di San Pietro
Gian Lorenzo Bernini, Cattedra di San Pietro, 1657-1666, marmo, bronzo, stucco dorato. Città del Vaticano, Basilica di San Pietro

La Scala Regia

Scala Regia, progetto originario di Antonio da Sangallo il Giovane (inizi del XVI secolo), interventi successivi di Bernini (1663-1666). Città del Vaticano, Palazzi Apostolici
Scala Regia, progetto originario di Antonio da Sangallo il Giovane (inizi del XVI secolo), interventi successivi di Bernini (1663-1666). Città del Vaticano, Palazzi Apostolici

Nel 1665 si recò in Francia per progettare il palazzo del Louvre, mai eseguito per l’opposizione degli artisti locali.