Miles Gloriosus di Tito Maccio Plauto

9576
miles gloriosus
Affresco di epoca romana con due attori che indossano maschere teatrali. Palermo, Museo Archeologico Regionale Antonino Salinas

Miles Gloriosus, (“Soldato fanfarone”) dalle commedie di Tito Maccio Plauto (255 – 184 a.C. circa)

Miles Gloriosus è la più famosa tra le commedie plautine. Ritrae una delle figure più riuscite e inverosimili del teatro di Plauto: il soldato Pirgopolinice, nel suo essere spaccone, vanitoso e un vero e proprio stupido che non si accorge di essere preso in giro (neppure in modo tanto velato) dall’interlocutore di turno.

Miles Gloriosus – La trama

Il soldato Pirgopolinice rapisce ad Atene una giovane ragazza, Filocomasio, e la porta ad Efeso.

Lo schiavo Palestrione, furbo servo di Pleusicle, amante della giovane donna, si mette sulle tracce di Pirgopolinice. Dopo una serie di disavventure, il servo riesce a raggiungere il soldato Pirgopolinice e a far chiamare il suo padrone.

Sceledro, schiavo del soldato Pirgopolinice, vede Filocomasia e Pleusicle baciarsi.

Palestrione per farlo tacere inventa l’esistenza di una “gemella” di Filocomasio: la ragazza interpreta così a turno le due parti, finché lo scomodo testimone si convince che non era lei a baciarsi con il giovane Pleusicle, bensì sua “sorella gemella”.

Palestrione deve ora escogitare un piano per sottrarre Filocomasio a Pirgopolinice.

Palestrione fa credere a Pirgopolinice che la moglie di Periplectomeno, suo vicino di casa, sia innamorata di lui.

Il soldato Pirgopolinice, che è convinto di essere l’uomo più bello della terra, cade nella trappola e si reca nella casa del vicino per incontrarla. Qui trova il vicino Periplectomeno che lo prende a bastonate, mentre i due veri innamorati (Pleusicle e Filocomasio) e il fido Palestrione tornano a casa.

Sul sito Studia Rapido leggi anche Anfitrione di Tito Maccio Plauto

Sul sito Studia Rapido leggi anche Casina di Tito Maccio Plauto