Otello di William Shakespeare, riassunto

Otello di William Shakespeare riassunto

Otello, assieme all’Amleto, Re Lear e Macbeth, è tra le più note tragedie di William Shakespeare.

La vicenda dell’Otello di William Shakespeare è tratta da una novella cinquecentesca dell’italiano Giambattista Giraldi Cinzio. Fu scritta agli inizi del 1600 e la prima rappresentazione ebbe luogo il 1° novembre 1604 al Whitehall Palace di Londra.

Otello di William Shakespeare: la trama

Otello, generale moro dell’armata veneziana, sposa in segreto Desdemona. Il padre di lei lo accusa di fronte al doge di averla sedotta con la magia, ma il moro viene riconosciuto innocente, e parte per combattere i Turchi a Cipro.

Otello vince i Turchi e la moglie Desdemona lo raggiunge sull’isola. Qui è anche il suo alfiere Jago. Jago odia segretamente Otello, di cui sospetta essere l’amante della moglie Emilia, e Cassio, nominato luogotenente al suo posto.

Jago fa ubriacare Cassio, perché sia sospeso dal suo compito; quindi insinua in Otello il dubbio che Cassio sia l’amante di Desdemona. Come prova decisiva, rivela che il giovane possiede un fazzoletto che il moro aveva donato alla moglie. In realtà, lui stesso ha ordito l’inganno.

Otello, folle di gelosia, soffoca la moglie sul letto matrimoniale. Arriva Emilia, moglie di Jago, che rivela gli inganni del marito. Questi la uccide e Otello, disperato, si pugnala, morendo sul corpo dell’amata Desdemona.