Pirandello e il fascismo

Pirandello e il fascismo: l'adesione al partito fascista di Luigi Pirandello

Luigi Pirandello si iscrive al fascismo nel 1924, subito dopo il delitto Matteotti, attraverso una lettera aperta a Mussolini. Nel 1925 è tra i firmatari del Manifesto degli intellettuali fascisti, redatto da Giovanni Gentile.

L'adesione di Pirandello al fascismo ha però caratteri ambigui e difficilmente definibili. Infatti, da un lato, il suo conservatorismo polit...

Caro amico di Studia Rapido, per continuare la lettura di questo articolo, registrati con la tua email.

REGISTRATI

Se sei già registrato inserisci la tua email e password qui sotto.

Grazie e buona lettura!