Servi della gleba, servi della terra: chi erano

1510
servi della gleba

I servi della gleba erano contadini (uomini e donne) che non potevano lasciare la terra (gleba in latino) sulla quale lavoravano perché erano considerati parte integrante del feudo, alla stregua dei terreni e del bestiame. Erano vincolati a vita e per via ereditaria.

Anche se la dottrina cristiana insisteva sull’uguaglianza di tutti gli esseri umani al cospetto di Dio, era diffusa la convinzione che il servo della gleba fosse comunque un individuo inferiore. Non sapeva né leggere né scrivere ed era bisognoso di una continua sorveglianza da parte di un potente signore.

Il signore poteva essere un nobile, un vescovo, oppure un istituto ecclesiastico, per esempio un monastero.

I servi della gleba avevano precisi obblighi nei confronti del loro signore:

  • dargli gran parte dei prodotti della terra;
  • pagare l’affitto;
  • prestare giornate di lavoro gratuite (le corvées);
  • risiedere nel luogo;
  • versare al signore diversi tributi in denaro, beni o servizi.

Avevano però anche alcuni diritti:

  • essere protetti da attacchi e scorrerie;
  • essere difesi nelle questioni legali che potevano sorgere con i contadini di altri signori;
  • avere la possibilità di andarsene pagando una tassa di riscatto.

La servitù della gleba, diffusa in età medievale, continuò a esistere in varie parti d’Europa fino al XVIII secolo.

Domande e risposte

Vuoi condividere con la community di Studia Rapido le tue opinioni? Vuoi commentare questo brano? Partecipa al Forum di Studia Rapido!
Studia Rapido è un progetto editoriale che ha come obiettivo la promozione e la condivisione della Cultura. Storia, Arte, Filosofia, Letteratura e tutte le materie che apprendiamo negli anni della scuola e con il tempo si dimenticano, diventano riassunti e articoli utili a superare con successo le prove scolastiche: un veloce ripasso prima dell'interrogazione, la preparazione di un compito in classe, l'aiuto a redigere la tesina di fine anno. Con un linguaggio chiaro, semplice e coinvolgente, come se fossero notizie che “accadono” oggi, le materie scolastiche diventano attuali e affascinanti