Svastica significato e origini

Qual è il significato della svastica nazista?

Svastica significato e origini

La svastica è il simbolo del Nazismo, il regime totalitario che si fondava sulla pretesa superiorità razziale del popolo tedesco e sulla discriminazione verso gli altri popoli, in particolare gli ebrei.

La svastica però non è un’invenzione di Hitler. Questo emblema, una croce uncinata, è un antico simbolo religioso e propizio per le culture originarie dell’India, quali il Giainismo, il Buddhismo e l’Induismo.

Hitler la conobbe studiando in gioventù gli antichi riti orientali. Nelle sue intenzioni la svastica doveva rappresentare la potenza e la superiorità dell’uomo ariano. Questi era ritenuto un semidio, col compito di liberare il mondo dagli ebrei. Hitler trasformò così questo antichissimo simbolo luminoso di vita, di augurio di benessere e fertilità, in un simbolo oscuro di morte.

Il 20 febbraio 2008, a coronamento di un solenne incontro a Gerusalemme, il Gran Rabbinato d’Israele e l’Hindu Dharma, Acharya Sabha, hanno siglato una dichiarazione comune al cui punto 7 si dà atto che la svastica è un antico e importante simbolo religioso dell’Induismo; nulla ha a che fare con il Nazismo e che l’utilizzo passato di tale simbolo, da parte di questo regime, è stato assolutamente improprio.