La contestazione giovanile del '68

La contestazione giovanile del '68

Negli anni Sessanta del Novecento, l'Occidente era la parte più ricca e più libera del mondo. Quasi tutti potevano mangiare tre volte al giorno. Quasi ovunque c'erano diritto di voto e libertà di pensiero e di parola. La possibilità di studiare era di gran lunga cresciuta, e anche per i figli degli operai si erano aperte, finalmente, le porte dell'università.

Sembra dunque che mai l'uomo fosse stato così b...

Caro amico di Studia Rapido, per continuare la lettura di questo articolo, registrati con la tua email.

REGISTRATI

Se sei già registrato inserisci la tua email e password qui sotto.

Grazie e buona lettura!