Le parti della grammatica italiana
Le parti della grammatica italiana

Le parti della grammatica italiana quali sono?

Tradizionalmente la grammatica viene suddivisa in: fonologia, morfologia, sintassi.

La fonologia (dal greco phoné, “suono”, e il suffisso logia, da logos, “studio”) è, tra le parti della grammatica italiana, quella che studia i suoni della lingua, insegna la corretta pronuncia (ortoepìa) e la corretta scrittura (ortografia) delle parole.

La morfologia (dal greco morphé, “forma” e logia, “studio”) è la parte della grammatica che invece insegna a riconoscere le parti variabili (nome, articolo, aggettivo, pronome, verbo) e invariabili (avverbio, preposizione, congiunzione, interiezione) del discorso.

L’analisi morfologica, comunemente chiamata analisi grammaticale, consiste dunque nel riconoscere a quale delle nove parti del discorso (nome, articolo, aggettivo, pronome, verbo, avverbio, preposizione, congiunzione, interiezione) appartiene la parola, e indicare le caratteristiche della sua forma.

La sintassi (dal greco syntaxis, “unione”, “coordinamento”), infine, stabilisce le norme con cui le parole si combinano tra di loro per formare una proposizione.

Esistono due tipi di sintassi:

  • la sintassi della frase semplice, cioè l’analisi logica;
  • la sintassi della frase complessa o periodo, cioè l’analisi del periodo.