La pace di Nicia tra Sparta e Atene, riassunto
La cartina evidenzia gli schieramenti, l'area e i luoghi in cui si svolse la Guerra del Peloponneso

La Pace di Nicia (421 a.C.) tra Sparta e Atene mise fine alla prima fase della Guerra del Peloponneso. Fu stipulata tra l’ateniese Nicia e il re spartano Plistoanatte.

La Pace di Nicia prevedeva:

  • una pace di 50 anni tra Sparta e Atene con i loro alleati;
  • la restituzione dei prigionieri da ambo le parti;
  • la rinuncia da entrambe le parti delle conquiste fatte durante la guerra;
  • la conciliazione di eventuali controversie per via diplomatica.

Sparta e Atene strinsero inoltre un’alleanza difensiva che le obbligava a sostenersi vicendevolmente in caso di aggressioni esterne e di rivolte.

Tuttavia, già durante i primi mesi successivi alla stipula della pace esplosero gravi contrasti. I risentimenti, i danni, le nuove situazioni determinate dal conflitto erano tanti e tali che Atene e Sparta non riuscirono a imporre il rispetto dell’accordo ai rispettivi alleati.