Quattro imperatori romani 68-69 d.C.

13352
Quattro imperatori

I quattro imperatori Galba, Otone, Vitellio e Vespasiano si susseguono tra il giugno del 68 e il dicembre del 69 d.C.

Galba imperatore dopo Nerone

Morto Nerone il 9 giugno del 68 d.C. Galba, un anziano aristocratico, sale al trono con l’appoggio dell’esercito di Spagna e il consenso del Senato e dei pretoriani.

Galba, il primo dei 4 imperatori, instaura un regime di austerità che suscita malcontento tra i suoi stessi sostenitori. Fatale è il suo rifiuto ai pretoriani di assegnare loro i donativi promessi. Essi lo uccidono e acclamano al suo posto Salvio Otone (gennaio 69).

Otone e Vitellio

Anche il principato di Otone dura poco, più o meno tre mesi, perché le legioni della Germania acclamano imperatore il loro comandante Aulo Vitellio e marciano sull’Italia. Sconfiggono facilmente l’esercito del rivale Otone (aprile 69).

Vespasiano l’ultimo dei quattro imperatori

Pochi mesi dopo però le legioni orientali acclamano imperatore il loro comandante Tito Flavio Vespasiano.

Nerone aveva mandato Vespasiano a reprimere un’insurrezione di Ebrei. Mentre completa l’opera con suo figlio Tito, parte delle sue forze marciano sull’Italia e vincono una sanguinosissima battaglia a Cremona contro le forze di Vitellio (ottobre 69).

Una seconda decisiva battaglia è vinta proprio a Roma. Vitellio è preso, torturato e giustiziato in pubblico il 22 dicembre del 69.

L’ascesa di Vespasiano segna l’inizio dell’Età Flavia che subentra all’Età Giulio Claudia.

Studia Rapido è un progetto editoriale che ha come obiettivo la promozione e la condivisione della Cultura. Storia, Arte, Filosofia, Letteratura e tutte le materie che apprendiamo negli anni della scuola e con il tempo si dimenticano, diventano riassunti e articoli utili a superare con successo le prove scolastiche: un veloce ripasso prima dell'interrogazione, la preparazione di un compito in classe, l'aiuto a redigere la tesina di fine anno. Con un linguaggio chiaro, semplice e coinvolgente, come se fossero notizie che “accadono” oggi, le materie scolastiche diventano attuali e affascinanti