Bill of rights (1689) cos’è, spiegato semplice

8179
Bill of rights

Cos’è il Bill of rights? Riassunto di storia moderna. Spiegato semplice.

Dopo la Seconda rivoluzione inglese (anche detta «gloriosa» rivoluzione) del 1688-89, al nuovo re Guglielmo III d’Orange (1689-1702) e alla sua consorte Maria II Stuart (1689-1694), il Parlamento britannico impose la sottoscrizione dell’Atto di tolleranza, che garantiva libertà di culto per i sudditi protestanti, e del Bill of rights (Dichiarazione dei diritti), nel quale era stabilita la distinzione di ruoli tra re e Parlamento.

Al re spettava il potere esecutivo, cioè di far applicare le leggi e garantire la sicurezza dello Stato; al Parlamento, invece, era riconosciuto il potere legislativo, cioè quello di fare le leggi.

Il Bill of rights stabiliva inoltre che il sovrano non poteva sospendere leggi, imporre tributi o mantenere un esercito stabile in tempo di pace senza l’approvazione del Parlamento; inoltre, l’elezione dei membri del Parlamento doveva essere libera e godere di piena libertà di espressione e di discussione.

Con il Bill of rights nacque in Europa la prima monarchia costituzionale, con il sovrano controllato dai rappresentanti della nazione e vincolato al rispetto del patto liberamente sottoscritto. Questo equilibrio, unito a un vigoroso sviluppo economico, garantì all’Inghilterra un futuro di grande potenza.

Al modello inglese guardarono con ammirazione in Europa intellettuali e studiosi di sistemi politici.

In particolare, il francese Montesquieu (1689-1755) giudicava ottima la Costituzione del regno inglese, scorgendovi una netta distinzione tra il potere esecutivo, il potere legislativo e il potere giudiziario. Essi, ognuno indipendente nella sua sfera ma agli altri coordinato, garantiscono ai singoli le libertà e la sicurezza da ogni prevaricazione e arbitrio.