Hatshepsut la regina faraone

1020
Hatshepsut

Hatshepsut governò l’Egitto per più di vent’anni, dal 1479 al 1458 a.C.

Suo padre era il faraone Tuthmose I. Durante il Nuovo Regno, in seguito alla morte del marito e fratellastro Tuthmose II, salì al potere come sovrana reggente in funzione del figliastro Tuthmose III; mantenne l’incarico fino alla sua morte.

Fu una donna e una regina di grande personalità. Fu considerata una sovrana giusta e amata. Le spedizioni militari da lei organizzate non furono mai violente azioni di conquista, ma servirono più che altro a rafforzare il controllo del faraone oltre i confini del regno e ad allacciare nuovi rapporti commerciali.

Tra le spedizioni commerciali da lei organizzate è da ricordare quella nella terra di Punt (l’odierna Somalia ed Eritrea) da dove importò incenso, mirra, ebano, avorio e animali esotici.

Hatshepsut fece costruire grandi monumenti, come il tempio funebre di Dei el-Bahri, a ovest di Tebe; il Tempio di Amon a Karnak; l’obelisco a lei dedicato nello stesso tempio.

Assunse tutti i simboli della regalità faraonica, compresa la barba sacra, finta nel suo caso, che i faraoni lasciavano crescere sul mento e portavano avvolta in fasce.

Fu sepolta nella Valle dei Re accanto al padre Tuthmose I.

Alla sua morte, il figliastro Tuthmosi III ne cancellò il nome da tutti da tutti i monumenti ufficiali.