Il mito di Atlantide, l'isola sommersa

Atlantide è l’isola leggendaria intorno alla quale alcuni autori dell’antichità, quasi tutti seguendo il Crizia di Platone, hanno scritto racconti favolosi.

Secondo essi, in un’epoca lontanissima, il popolo degli Atlanti, proveniente da questa grande isola dell’Atlantico situata ad ovest delle Colonne d’Ercole (Stretto di Gibilterra) e governato, sempre secondo Platone, da sovrani di saggezza esemplare, avrebbe cercato d’invadere l’Europa e l’Asia. I Greci però riuscirono a respingerlo.

Dopo aver fallito l’invasione, quest’isola sarebbe stata inghiottita dal mare in una notte e un giorno durante un cataclisma provocato da Poseidone.

Sempre secondo Platone, l’avvenimento si collocherebbe 9000 anni prima dell’epoca in cui visse Solone, ovvero circa 9600 anni a.C.

Molti scienziati hanno pensato a una pura allegoria mitologica. Altri hanno creduto che la leggenda celasse un avvenimento autentico, ma le localizzazioni proposte variano notevolmente.

Nelle letterature europee, l’isola leggendaria ha ispirato numerose opere, in particolare:

  • la Nova Atlantis di Francesco Bacone;
  • l’Atlantica (1679-1702) dello svedese Olaf Rudbeck;
  • il poema omonimo del catalano Jacinto Verdaguer (1876), che immagina Cristoforo Colombo partito alla ricerca dell’antico continente perduto;
  • il romanzo Atlantide (1912) di Gerhart Hauptmann;
  • l’Atlantide (1919) di Pierre Benoit,
  • e tanti altri.