maree: alte e basse spiegato in modo semplice

Le maree sono periodici cambiamenti del livello del mare. Il loro comportamento era già noto ai Greci e ai Romani, ma solo dopo che Newton ebbe enunciato la Legge della gravitazione universale fu possibile dare un’interpretazione soddisfacente di questo fenomeno.

Le maree sono dovute alla forza di attrazione che la Luna e il Sole esercitano sulle masse d’acqua presenti sulla Terra. Esse si ripetono periodicamente due volte al giorno ogni sei ore circa.

In che modo Luna e Sole causano le maree?

11

Nel suo moto di rotazione la Terra, nell’arco delle 24 ore, presenta una parte rivolta verso la Luna, della quale subisce l’attrazione. In quella parte e nella parte opposta della Terra l’acqua dei mari si solleva e si ha un’alta marea. Nella parte rivolta verso la Luna si dice alta marea diretta, nella parte opposta alta marea indiretta. Nello stesso momento nelle località situate lungo lo stesso meridiano posto a 90° a ovest e a est, il livello del mare si abbassa e si ha la bassa marea.

Questo fenomeno risulta intensificato o attenuato a seconda della presenza o meno dell’azione del Sole: osserva le immagini e leggi i commenti.

12

Quando il Sole, la Terra e la Luna sono allineati (Luna piena o Luna nuova), all’attrazione lunare si somma l’attrazione solare e si hanno alte maree di massima ampiezza, le maree vive.

13

Quando, invece, le congiunzioni Sole-Terra e Terra-Luna formano un angolo retto (Luna al primo quarto o all’ultimo quarto), l’attrazione solare annulla in parte quella lunare e perciò le maree hanno un’ampiezza minima, le maree morte.

L’ampiezza delle maree dipende non solo dai fenomeni astronomici, ma anche dalla conformazione dei fondali marini e dalle linee di costa, dalla presenza di insenature e baie. Le coste, infatti, sono di ostacolo al movimento delle acque, mentre nelle baie l’ampiezza di marea aumenta.

Nei luoghi in cui si passa dal mare aperto a zone strette, le maree sono particolarmente significative, come nella baia di Mont Saint-Michel o nel golfo di Saint-Malo, in Francia (15 metri).

Nei mari interni come l’Adriatico, invece, il flusso di marea è meno sensibile (50 cm alla foce del Po).

Le maree trasportano a terra le sostanze inquinanti disciolte nell’acqua. Si parla infatti di:

  • marea nera, quando le acque trasportano a riva del petrolio;
  • marea rossa, quando le acque gettano sulla spiaggia grandi quantità di alghe morte.