Mausoleo di Galla Placidia, storia e descrizione
Mausoleo di Galla Placidia, esterno, Ravenna

Mausoleo di Galla Placidia: storia, analisi, descrizione, immagini.

Chi era Galla Placidia

La principessa romana Galla Placidia nacque nel 390 circa; figlia dell’imperatore Teodosio I e sorella di Onorio, l’imperatore che nel 402 trasferì la capitale dell’Impero romano da Milano a Ravenna.

Durante il sacco di Roma del 410, Alarico, re dei visigoti, la fece prigioniera. Nel 414 sposò Ataulfo, cognato di Alarico. L’anno dopo, Ataulfo fu ucciso e Galla Placidia fu restituita al re Onorio a Ravenna.

Nel 417 sposò Costanzo, generale di Onorio. Al marito fece ottenere il titolo di augusto e diede due figli, Onoria e Valentiniano.

Rimasta nuovamente vedova nel 421 e in contrasto con il fratello Onorio, si recò con i due figli a Bisanzio. Alla morte di Onorio ritornò in Italia e fece salire sul trono il proprio figlio Valentiniano III. Questi era ancora un bambino, per cui tra il 425 e il 437 Galla Placidia fu reggente dell’Impero romano d’Occidente per il figlio .

Intorno al 425 fece costruire il mausoleo che porta il suo nome. Doveva essere il suo luogo di sepoltura.

Morì nel 450 e sepolta a Roma nel mausoleo imperiale presso San Pietro in Vaticano.

Mausoleo di Galla Placidia: analisi e descrizione

Il Mausoleo di Galla Placidia è uno degli edifici più antichi di Ravenna. Si ignora il nome dell’artista che nel 425 lo costruì.

Il Mausoleo di Galla Placidia era in realtà una piccola costruzione annessa alla Chiesa di Santa Croce e dedicata a San Lorenzo, probabilmente con una destinazione funeraria, come dimostra la presenza di sarcofagi paleocristiani.

Interno del Mausoleo

La pianta è a forma di croce.

Pianta del Mausoleo di Galla Placidia

 

L’esterno del Mausoleo è in semplice laterizio, con una serie di archi ciechi.

Mausoleo di Galla Placidia, esterno, Ravenna

All’esterno si contrappone l’interno illuminato da piccole finestre chiuse da lastre di minerali semitrasparenti, risplendente di marmi e mosaici. Il rivestimento a mosaico si dispiega su tutte le superfici, comprese le volte, le lunette e la cupola. Come in una visione, nella cupola appaiono giri di stelle culminanti nella croce, mentre sugli spigoli si possono ammirare i simboli degli evangelisti.

Mausoleo di Galla Placidia, veduta dell’interno con il mosaico della cupola, Ravenna

La cupola è nascosta esternamente da una torretta (tiburio).

Il contrasto tra esterno e interno simboleggia quello tra la realtà materiale, il corpo, e la ricchezza dell’anima.

Il pavimento si trovava in origine a un livello di circa un metro e mezzo sotto quello attuale ed era rivestito di lastre marmoree