Moschea, luogo di culto dell’islam

4174
moschea
Schema della moschea: 1. Il minareto; 2. La fontana; 3. La sala delle preghiere; 4. Il mihrab

Moschea, dal termine arabo masgid, letteralmente «luogo da dove ci si prosterna», è il luogo di culto dell’islam.

Ogni musulmano può recarsi nella moschea quando vuole, ma è importante non mancare al rito collettivo del venerdì, quando i fedeli si riuniscono per pregare sotto la guida di un imam.

Come è fatta una moschea

La pianta schematica di una moschea è costituita da due parti:

  • un vasto cortile rettangolare a cielo aperto, con portici e gallerie lungo i lati, in cui si trova una fontana per le abluzioni che il fedele deve compiere prima di rivolgersi ad Allah;
  • una sala coperta, destinata alla preghiera.

La sala delle preghiere

Questa sala, priva di qualsiasi oggetto di culto, è caratterizzata da un elemento specifico fondamentale: una nicchia, chiamata mihrab, ricavata nella parete orientata verso La Mecca, che indica esattamente la direzione verso cui il fedele deve rivolgersi.

A destra del mihrab si trova un pulpito sopraelevato, spesso di legno, chiamato minbar. Da qui, durante il rito collettivo del venerdì, l’imam pronuncia la sua predica rivolgendosi ai fedeli.

La sala di preghiera, soprattutto nelle moschee più importanti, ha in genere dimensioni molto grandi, per accogliere un grande numero di fedeli.

L’interno della moschea

La moschea manca di arredi, fatta eccezione per i tappeti e le stuoie su cui si prosternano i fedeli, e per le lampade.

La proibizione religiosa islamica di rappresentare sia la figura divina sia quella umana spiega la mancanza di statue, affreschi e mosaici che illustrino Allah oppure eventi e scene della vita di Maometto.

Ma non per questo la moschea è priva di decorazioni: pavimenti, pareti e volte sono spesso ricoperti da un reticolo decorativo a motivi geometrici e vegetali, fatto di maioliche dai colori smaglianti, di stucchi finemente traforati, di legni intarsiati.

Le moschee non sono solo luoghi di culto

Le moschee più importanti non sono solo luoghi di culto. Sono spesso collegate a scuole dove si tiene l’insegnamento del Corano destinato ai fanciulli.

A volte accanto alla moschea sorge una madrasa (letteralmente «luogo in cui si studia»), dove è impartito un insegnamento di livello universitario.

Nelle antiche madrase oltre alla religione si studiava anche il diritto, la filosofia, la medicina, l’astronomia, la letteratura.

Studia Rapido è un progetto editoriale che ha come obiettivo la promozione e la condivisione della Cultura. Storia, Arte, Filosofia, Letteratura e tutte le materie che apprendiamo negli anni della scuola e con il tempo si dimenticano, diventano riassunti e articoli utili a superare con successo le prove scolastiche: un veloce ripasso prima dell'interrogazione, la preparazione di un compito in classe, l'aiuto a redigere la tesina di fine anno. Con un linguaggio chiaro, semplice e coinvolgente, come se fossero notizie che “accadono” oggi, le materie scolastiche diventano attuali e affascinanti